Legrottaglie: “Milan, attento a Douglas Costa. Stasera si vedrà la Juventus del secondo tempo col Bologna”

legrottaglie
Nicola Legrottaglie

Sono tanti i personaggi di spicco del mondo del calcio intervistati per ricevere un parere sull’attesissima finale di Coppa Italia di questa sera tra Juventus Milan. Tra questi l’ex di entrambe le squadre Nicola Legrottaglie.

Il difensore pugliese, raggiunto dai colleghi di ItaSportPress, ha dichiarato: Probabilmente rivedremo la Juventus del secondo tempo della sfida contro il Bologna, con quel Douglas Costa che cambia marcia alla squadra. Fa tanti assist, ma d’altronde me l’aspettavo: lui ha molta qualità e in un campionato come la Serie A, dove il livello tecnico è più basso rispetto agli altri campionati top europei, un giocatore della sua classe finisce per emergere”. Parla poi anche degli avversari: “Il Milan dovrà stare molto attento a Douglas Costa, va limitato: meno lo fai crossare e meglio è. Da ex difensore, consapevole del fatto che è mancino, posso dire che sarà fondamentale il posizionamento perché lui mette quei palloni dentro tra difensore e portiere che sono difficili da leggere. Centravanti? Cutrone ha meno tecnica di Kalinic, ma ha fiuto ed è sveglio: si crea le occasioni e ci sta che giochi titolare, è un piccolo Inzaghi. Non dimentichiamoci anche che i rossoneri possono contare su Calhanoglu che in questo momento è l’uomo in più: grazie a Gattuso ha ritrovato la fiducia e in campo si vede, ha una condizione psicofisica eccellente”.

La finale di stasera sarà anche una sfida Allegri-Gattuso: “Allegri è ormai un allenatore quotato, tra i migliori in Europa, per lui parlano i fatti e da addetto ai lavori è un tecnico che va studiato, Gattuso si sta giocando bene la possibilità di allenare un grande club come il Milan, sono convinto che diventerà un allenatore importante perché ha tanta voglia di migliorarsi”.

Infine un pronostico: “Sarà una partita molto vivace e aperta su entrambi i fronti. Milan e Juventus avranno opportunità per fare gol perché i calciatori saranno liberi da troppi schemi e mostreranno la loro qualità. Potrebbero vincerla entrambe, è una gara da tripla dove non ci sarà un dominio di una sull’altra. La finale si risolverà sul filo del rasoio”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008