Leao o Piatek, chi è il partner d’attacco giusto per Ibrahimovic?

Ibrahimovic
Fonte: Ac Milan

Inizia il 2020 anche per il Milan, che domani chiuderà il girone d’andata con la trasferta di Cagliari. Una partita importante in cui i rossoneri sono chiamati a dare una risposta sul campo per tornare alla vittoria che manca da giorno 8 Dicembre. Il Cagliari di Maran non attraversa un bel periodo, i Sardi infatti non trovano la vittoria da giorno 5 Dicembre. Ma come affronterà il Milan la delicata trasferta alla Sardegna Arena?

La questione tattica

L’eventuale cambio di modulo era un’opzione ventilata già prima dell’ufficialità del ritorno di Zlatan Ibrahimovic in maglia rossonera. Un cambio, si diceva, che avrebbe aiutato lo svedese a giocare di più con i compagni con la possibilità di stare vicino ad un’altra punta con cui dialogare e mettere in condizioni di segnare. I primi 25’ del ritorno del gigante svedese in occasione della partita contro la Sampdoria finita 0-0 hanno evidenziato alcune iniziative che vedevano coinvolte proprio Ibra e il subentrato Leao, nessuna di quelle ha poi portato al goal ma questa potrebbe essere una strada da percorrere. Lo stesso Pioli ha parlato di alcune soluzioni provate in allenamento dicendo che il passaggio dal 433 al 442 è una delle alternative possibili. Sappiamo che la Dirigenza sta continuando a lavorare per il mercato in entrata, si fanno diversi nomi ma momentaneamente il Mister dispone di due attaccanti che possono affiancare Ibra in un eventuale cambio di modulo: Piatek e Leao.

Fonte: Ac Milan

Rafael Leao

È il nome più caldo in questo momento, non solo perché con un po’ più di precisione e attenzione i due avrebbero potuto riportare il Milan al goal durante la partita contro la Samp, ma soprattutto perché da quello che ci è dato vedere sembra che si sia da subito creato un legame tra i neo compagni di squadra. A dimostrazione dei fatti c’è il tweet dello stesso Leao nel post partita di Domenica scorsa, il gesto di Ibra che lo consola mentre era in lacrime dopo il pareggio e il posto a tavola che i due condividono a Milanello. Dopotutto Ibrahimovic è stato chiamato anche per questo, per infondere fiducia, per portare esperienza e temprare un gruppo di giovani che momentaneamente sembra allo sbaraglio. Dal punto di vista tattico l’ex Lille potrebbe trovare posto come seconda punta nel nuovo 4-4-2 o come esterno d’attacco nel 4-3-3 in un ruolo che vedrebbe il giovane brasiliano libero di svariare per non dare punti di riferimento alla difesa avversaria. Il ruolo dello svedese in questo caso sarebbe quello di perno d’attacco e regista avanzato, con il compito di creare gli spazi in cui dovrà inserirsi il giovane partner insieme ai centrocampisti.

Fonte: Ac Milan

Krzysztof Piatek

È difficile oggi dare delle valutazioni su quest’ipotetica coppia perché non li abbiamo ancora visti giocare insieme. Il polacco non vive certamente di esplosività o improvvise accelerazioni, ma ha una buona progressione con e senza palla e aggiungerebbe chili e centimetri in area di rigore che a quel punto, insieme a Ibra, sarebbe parecchio affollata e pericolosa. In questo caso giocherebbero un ruolo fondamentale gli inserimenti e i cross dei terzini. I 38 anni dell’ex attaccante dei Los Angeles Galaxy non gli permettono più di svariare su tutto il fronte d’attacco come prima, e in questo senso potrebbe risultare decisivo l’inserimento di un trequartista dietro le punte che porterebbe il nome di Chalanoglu, Suso o Paquetà. Giocatori che si adatterebbero a quel ruolo e che imporrebbero una variazione del classico 442 che diventerebbe un 4312 già adottato nella sfida dello Stadium contro la Juventus.

Non sappiamo quali saranno le scelte di Pioli, quello che sappiamo, confermato dalle parole dello stesso tecnico durante la conferenza stampa di oggi, è che Ibra non ha ancora i 90’ nelle gambe a causa della sua lunga assenza dai campi di gioco (non giocava una partita dallo scorso mese di ottobre), staremo quindi a vedere se il Mister sceglierà di dare a disposizione dello svedese una partenza dal primo minuto o un altro ingresso a partita in corso. Domani tutte le domande avranno una risposta, il Milan sarà di scena alla Sardegna Arena alle ore 15:00.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008