Le contropartite che servirebbero all’Inter in uno scambio con Lautaro

Partiamo da un presupposto basilare, ma quantomai necessario da specificare: al momento la partenza di Lautaro Martinez dall’Inter sembra lontana o, quantomeno, non più  vicina di quanto potesse sembrare essere a febbraio 2020. In questi 7 mesi è successo di tutto nel mondo, sia calcistico che non, con una pandemia che ha sconvolto il pianeta e difatti sia fermato che modificato le competizioni sportive e, probabilmente, anche il loro risultato (di questo, però, non si può avere la certezza).
In questi mesi è anche modificata l’opinione di molti su Lautaro Martinez, il quale non ha vissuto una grande seconda parte di stagione in maglia interista se non a sprazzi, deludendo il più delle volte e dando l’idea di avere la testa già al Barcellona del suo idolo Messi… lo stesso Messi che al giorno d’oggi, 28 agosto 2020, sembra ormai in procinto di lasciare i blaugrana. In tutto questo però il Toro non ha mai fatto mistero di apprezzare la corte catalana e, di conseguenza, vista la difficoltà nel reperire i 110 milioni della clausola da pagare, il club spagnolo stava pensando di tentare l’acquisto del bomber interista versando una parte in denaro e la restante colmando grazie alle contropartite tecniche.
Quali sarebbero, però, ad oggi le contropartite più utili e ghiotte per l’Inter in caso di una cessione di Lautaro Martinez al Barcellona?

Jordi Alba, qualità per Conte

Il primo nome che mi viene in mente, senza pensarci su, è quello di Jordi Alba. Nonostante l’età non più rosea, 31 anni, il terzino spagnolo andrebbe a comporre assieme ad Hakimi una coppia di esterni dal potenziale devastante. Sono note infatti le abilità in fase offensiva del terzino sinistro blaugrana, capace di essere spesso e volentieri decisivo in zona gol con assist o reti decisive, senza dimenticare la sua abilità tecnica grazie ad un mancino educatissimo, oltre che ad un’ottima esplosività fisica. Ovviamente avere Hakimi e Jordi Alba sulle fasce significherebbe votarsi molto all’attacco, quindi immagino che Conte preferisca avere un’esterno di centrocampo che si sganci di più in avanti (Hakimi), mentre l’altro sia più attento in fase difensiva. Per questo vedo ad oggi difficile l’arrivo dello spagnolo, nonostante da terzino sia in grado di disimpegnarsi discretamente in fase difensiva, forse non sarebbe totalmente adatto alle richieste ed esigenze tecniche di mister Conte.

Un tributo a Jordi Alba riguardo la sua ultima stagione

Junior Firpo, un prospetto per il futuro

L’altra alternativa in casa blaugrana potrebbe essere quella di Junior Firpo, giovane esterno e, di fatto, riserva di Jordi Alba. Lo spagnolo è un classe 1996, quindi ancora molto futuribile e con possibilità di crescita, ed inoltre sarebbe un giocatore più difensivo rispetto ad Alba, anche se con meno qualità tecnica in fase offensiva. Inoltre, altro suo punto a favore rispetto ad Alba, avrebbe un fisico decisamente miglior (182 cm x 74 kg contro i 170 cm e 69 kg di Alba) per essere maggiormente in grado di incidere in partite più “dure” come vi potrebbero essere in italia. Non che Jordi Alba sfigurerebbe, sia chiaro, ma in determinate partite meno tecniche e più fisiche (le quali capitano spesso in Italia), potrebbe accusare questo punto a sfavore. Il nome di Junior Firpo quindi è forse il migliore che i catalani possono offrire all’Inter, anche se in realtà rimane ancora un’opzione.

Una panoramica delle capacità di Junior Firpo

Arturo Vidal, il pupillo di Conte

Stiamo ovviamente parlando di Arturo Vidal, vecchio pupillo di Antonio Conte ed obiettivo dell’Inter da almeno 3 stagioni. Il cileno è stato vicinissimo negli ultimi anni a vestire la casacca interista, salvo poi vedere sfumare questo matrimonio sempre all’ultimo. Inoltre Vidal, nel nuovo Barcellona di Koeman, è stato dichiarato fuori dal progetto e quindi sarebbe perfettamente scambiabile dai catalani. Questo potrebbe rivelarsi fondamentale in ottica Lautaro Martinez, non fosse che il solo Guerriero probabilmente non basterebbe a convincere i nerazzurri, vista che la parte economica dovrebbe essere decisamente alta.
Al momento, stando ai quotidiani spagnoli, l’ultima offerta del Barcellona era di 70 milioni più Junior Firpo, valutato 40 dai blaugrana i quali lo hanno pagato 30 (18+bonus): offerta che difficilmente, se fosse vera, soddisferebbe i nerazzurri.

Il riassunto della stagione 2019/2020 di Vidal

La possibile soluzione

Il compromesso fra le due si potrebbe trovare, secondo il mio parere, con la seguente offerta: 70/75 milioni con Junior Firpo unito a Vidal. Parliamoci chiaro, lo spagnolo è un ottimo prospetto, ma può valere al massimo 25 milioni. Il cileno è stato dichiarato totalmente fuori dal progetto e sembra in procinto di svincolarsi a zero, ma i nerazzurri potrebbero fare un favore ai blaugrana e farlo risultare a bilancio per una decina di milioni. In questo modo sia Inter che Barcellona realizzerebbero delle plusvalenze importanti, visto che Lautaro verrebbe venduto per un valore complessivo che oscilla tra i 100/110 milioni, mentre Junior Firpo e Vidal verrebbero venduti per un totale di 30/35, con i vari ammortamenti dovuti anche agli anni passati dai due in blaugrana per contare un’eventuale plusvalenza o leggera minusvalenza a bilancio. Entrambe le squadre ne potrebbero anche beneficiare tecnicamente, con il Barcellona che troverebbe l’erede di Suarez, mentre l’Inter darebbe a Conte il tanto richiesto Vidal e un’esterno sinistro giovane ma già di valore, senza dimenticare altri 70 milioni da investire sul mercato.

Ora come ora questa trattativa sembra arenata, vista anche la difficile situazione in casa blaugrana, però nel calcio mai dire mai… perchè questo scambio potrebbe fare comodo ad entrambe.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008