#LazioJuventus, Allegri a Sky Sport: “Sfidiamo noi stessi”

La vittoria in casa della Lazio porta una ventata di entusiasmo in casa della Juventus in vista del ritorno di Champions League contro il Tottenham.

Ad analizzare la sfida contro i capitoli, attraverso i microfoni di Sky Sport, è stato il tecnico dei bianconeri Massimiliano Allegri: Il calcio è bestiale, è bello per questo. Abbiamo perso una Supercoppa dopo aver rimontato il 2-2, stavolta abbiamo vinto. Nel primo tempo abbiamo avuto delle situazioni favorevoli noi, nel secondo tempo la Lazio non riusciva più a ripartire. Bravi i ragazzi a crederci fino alla fine, anche un pareggio sarebbe stato buttato”.

Decisivo il match di Londra per la formazione? “Per le caratteristiche della Lazio ho scelto la formazione migliore, venivamo da una partita in cui avevamo speso tanto come quella contro l’Atalanta, loro avevano giocato 120 minuti quindi serviva un po’ di pazienza. Douglas Costa aveva speso tanto mercoledì, quindi serviva che gli dessi un po’ di riposo. Ci sono dei momenti in cui devi cambiare, fortunatamente ho un gruppo straordinario. Si sono meritati questa vittoria, stanno facendo cose importanti sul piano tecnico e caratteriale”.

Dybala si candida per Londra? Higuain? “Bisogna vedere. In qualche modo faremo anche mercoledì. Per Higuain vedremo domattina, sono tanti giorni che non si allena. Anche Mandzukic è uscito un pochino malconcio. Dybala? Ha fatto un gol straordinario, io credo che questo riposo forzato per lui sia stato importante, anche col Torino è entrato bene nell’ultima mezz’ora. Deve chiedere a se stesso molto di più, credo che farà un grande finale di stagione”.

Oggi avete perso 138 palloni e fatto un solo tiro nello specchio. Tra Mandzukic e Dybala hai scelto Dybala, i giocatori queste cose le sentono. “Siamo partiti con il 3-5-2, poi mi sono messo a quattro e ho messo Lichsteiner alto a destra per riprendere la partita in mano, sapevamo delle difficoltà contro la Lazio. Bisognava essere bravi nell’episodio, siamo stati dentro la partita. A volte le gare si vincono anche in questo modo”.

Ti chiedi come mai a voi va sempre bene nel finale? “È molto semplice, ho un gruppo di ragazzi che sono bravi sul piano tecnico, morale e caratteriale, trainato da un gruppo di vecchiotti che stasera sono stati decisivi e gli altri gli vanno dietro. Noi non stiamo sfidando il Napoli, stiamo sfidando noi stessi”.

Guarderai il Napoli? “Non credo di poterla vedere in aereo. Siamo in lotta per il campionato, credo che ci siano tutti i presupposti per un bel finale di stagione”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.