Clamoroso all’Olimpico, direbbe qualcuno: grazie alla classica “partita perfetta”, il Genoa riesce ad espugnare il campo della Lazio battendo i biancocelesti per 2-1, grazie ai gol dell’ex Pandev e di Laxalt, rete arrivata proprio al 92′. Di Parolo la rete del momentaneo pareggio laziale.

Partita che, salvo il primo minuto di gioco, con il Genoa che con coraggio pressa gli avversari, inizia da copione, con la Lazio a gestire il pallino del gioco a cercare di stanare gli ospiti, tutti rintanati nella propria metà campo.
La prima chance del match, seppur non sia nitida, arriva all’11’ ed è per la Lazio: cross profondo dalla fascia sinistra di Lukaku, il quale trova l’imperioso terzo tempo di Parolo che però la spedisce fuori, a lato della porta difesa da Perin.
Primo squillo del Genoa, arriva al 25′ con Hiljemark: imbucata centrale di Pandev, la palla giunge fortunosamente tra i piedi dello svedese che la manda sul fondo. Al 37′ ci prova Luis Alberto con un destro da fuori dopo un’azione articolata, ma la palla non riesce ad impensierire la retroguardia avversaria. Dopo tre minuti risponde Laxalt: percussione sulla sinistra dell’uruguayano, il quale calcia trovando la risposta di Strakosha.
La prima frazione termina con il risultato di 0-0, con le due squadre che non sono riuscite ad accumulare occasioni da gol degne di nota, grazie soprattutto all’ottima fase difensiva del Genoa che si chiude molto bene, lasciando ben pochi spazio alla Lazio.

Secondo tempo che inizia sulla falsariga del primo, con la Lazio a dover far fronte al fortino eretto dal Genoa, tutto arroccato nella propria metà campo, cercando di ripartire in contropiede quando possibile.
La prima occasione della ripresa è per i biancocelesti: al 53′ arriva un tiro dalla trequarti di Lucas Leiva, che però la spedisce di poco a lato. Dopo due minuti, inaspettato vantaggio del Genoa: cross di Rigoni che trova Galabinov, il quale appoggia per l’ex del match Pandev che insacca. Dura solo cinque minuti il vantaggio dei rossoblu. poiché i padroni di casa trovano subito l’1-1: cross dalla destra di Caceres, il quale trova l’esterno di Parolo che trova una gran rete. Poco dopo il pareggio, Inzaghi manda in campo Anderson e Nani, i quali però non riescono ad entrare nel vivo del match, complice la morsa dei difensori genoani. Al 79′ va vicino al vantaggio Luis Alberto, con un destro al volo, ma Perin respinge in due tempi. Dopo un minuto, Laxalt trova la rete, ma il VAR ferma tutto: errore macroscopico di Caceres che permette al laterale mancino di andare a tu per tu con Strakosha e segnare il 2-1, ma l’arbitro Maresca annulla tutto per un fallo di mano
All’85’ prima vera chance del match per Immobile, il quale prova a incrociare dalla destra ma Perin c’è. Ci si aspettava l’assalto laziale nel finale, e invece arriva il gol del 2-1 da parte del Genoa: cross insidioso di Hiljemark dalla destra, ottimo terzo tempo di Laxalt che porta i suo in vantaggio e si riscatta dopo il gol annullato poco fa. La partita volge al termine con il risultato di 1-2 a favore del Genoa.

Con questo risultato la Lazio resta a quota 46 punti, con soli due punti di vantaggio sulla quarta in classifica, ovvero l’Inter. Il Genoa si allontana dalla zona calda, salendo a 24 punti, a pari punti con il Cagliari.

Lazio (3-5-2): Strakosha 6; Caceres 5.5, De Vrij 6, Radu 6; Marusic 5.5 (70′ Nani 5), Parolo 6.5, Leiva 6, Murgia 5 (70′ Anderson 5.5), Lukaku 5 (83′ Patric 5), Luis Alberto 5.5, Immobile 5. All. Inzaghi 5

Genoa (3-5-2): Perin 6.5; Biraschi 7, Rossettini 6.5, Zukanovic 6; Pereira 6.5 (83′ Lazovic SV), Rigoni 6 (65′ Medeiros 6.5), Bertolacci 6.5, Hiljemark 6.5, Laxalt 7; Galabinov 6.5, Pandev 7 (87′ Bessa SV). All. Ballardini 7.5

Arbitro: Fabio Maresca (sez. Napoli)

Marcatori: Pandev (G), Parolo (L), Laxalt (G)
Ammoniti: Rossettini (G)
Espulsi:
Note: 0′ di recupero nel PT, 5′ di recupero nel ST.

TOP90esimo: Pandev 7 – Fa un gran lavoro fin dagli albori della gara, cercando di custodire attentamente tutti i palloni che gli capitavano a tiro. Manda in vantaggio i suoi con una rete importantissima che dà morale. Gli anni passano, Goran no. 

FLOP90esimo: Immobile 5 – Mai così in difficoltà in questa stagione, e lo si vede anche dal momento in cui è riuscito a rendersi pericoloso solo una volta, a soli cinque minuti dal fischio finale. Cancellato dal terzetto difensivo del Genoa. 

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.