#LazioFrosinone – Luis Alberto scaccia i fantasmi e regala i primi tre punti ad Inzaghi: 1-0 – LE PAGELLE

Luis Alberto

Il match tra Lazio e Frosinone, valido per il terzo turno della Serie A 2018/2019, è terminato sul risultato di 1-0: decisivo i gol di Luis Alberto al 49′.

La Lazio comincia la gara dominando a livello territoriale e controllando il possesso del pallone contro un Frosinone con atteggiamento difensivista ma molto concentrato ed ordinato. Nonostante il predominio in campo, i biancocelesti non riescono però a pungere e l’unica volta che la palla termina alle spalle di Sportiello l’arbitro Calvarese annulla per fuorigioco (netto) di Acerbi. I ciociari, concentrati principalmente sulla fase difensiva, si rendono pericolosi solamente due volte su corner, ma le incornate di Cassata al 16′ e di Perica al 47′ terminano entrambe alte. Al 17′ i padroni di casa vanno vicino al vantaggio, ma il colpo di testa di Parolo su cross di Lulic si infrange sul palo. La squadra di Longo esce alla distanza dopo il torpore iniziale, ma sono ancora una volta gli uomini di Inzaghi ad avere le occasioni più nitide della prima frazione: al 25′, Milinkovic Savic, dopo una bella triangolazione con Immobile, calcia fuori a tu per tu con Sportiello; al 33′ è invece il centravanti italiano a fallire una rete facile a porta vuota dopo l’iniziativa sulla sinistra di Lulic. Le due compagini vanno così a riposo sul risultato di 0-0.

Nella ripresa la Lazio ricomincia con la stessa attitudine avuta per tutto il primo tempo, ma questa volta è più fortunata e riesce a sbloccare la gara: al termine di un’azione molto confusa nell’area di rigore frusinate, il pallone arriva a Luis Alberto, che calcia di potenza al volo e buca Sportiello per l’1-0. Il vantaggio sblocca mentalmente i biancocelesti, che controllano più agevolmente il gioco e sembrano più liberi mentalmente dopo le due sconfitte iniziali. La rete subita costringe invece il Frosinone a cambiare il proprio atteggiamento, con i ciociari che lentamente aumentano il proprio raggio d’azione e si spingono in avanti. Al 58′ un’incursione di Molinaro crea il panico nella difesa laziale, ma Radu è bravissimo a ribattere sulla conclusione a botta sicura di Perica. La squadra di Inzaghi successivamente rischia poco e sfiora il raddoppio con una conclusione da fuori di Milinkovic Savic e con un tap-in sbagliato da Acerbi sugli sviluppi di calcio d’angolo. Nel finale Longo prova ad impensierire i padroni di casa con i cambi, inserendo Ardaiz e Soddimo per uno spento Perica e per Maiello, ma, nonostante il forcing finale dei gialloblù, il risultato non cambia più: la Lazio vince all’Olimpico per 1-0 e ottiene i primi tre punti della stagione, mentre il Frosinone resta a quota 1.


LAZIO (3-5-2): Strakosha 6; Wallace 5,5, Acerbi 6,5, Radu 6; Marusic 6, Parolo 6,5, Leiva 6, Milinkovic Savic 5 (dall’82’ Murgia s.v.), Lulic 7; Luis Alberto 7 (dal 90′ Badelj s.v.); Immobile 5,5 (dall’85’ Caicedo s.v.). A disp.: Proto, Guerrieri, Patric, Bastos, Basta, Caceres, Cataldi, Durmisi, Correa. All. Inzaghi

FROSINONE (3-5-2): Sportiello 6; Brighenti 6, Salamon 5,5, Capuano 6; Zampano 5,5 (dal 71′ Ghiglione 6), Chibsah 6, Maiello 5,5, Cassata 6,5 (dall’82’ Soddimo s.v.), Molinaro 6,5; Ciano 6, Perica 5,5 (dal 71′ Ardaiz 5,5). A disp.: Bardi, Ariaudo, Goldaniga, Beghetto, Krajnc, Crisetig, Besea, Matarese, Pinamonti. All. Longo

ARBITRO: Gianpaolo Calvarese di Teramo

MARCATORI: Luis Alberto al 49′

AMMONITI: Brighenti al 3′, Parolo al 20′, Ghiglione al 91′

ESPULSI: –

NOTE: due minuti di recupero nel primo tempo, quattro minuti nel secondo tempo

TOP NOVANTESIMO – Lulic 7 Unico biancoceleste veramente costante nei 90 minuti, le sue fiammate sulla sinistra creano diversi grattacapi alla difesa del Frosinone.

FLOP NOVANTESIMO – Milinkovic Savic 5 Distratto, fuori dal gioco, sembra il lontano parente del giocatore straripante visto la scorsa stagione: sbaglia un gol facile e non incide quasi mai. Da lui ci si aspetta di più.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.