Stefan Radu, difensore della Lazio, ha parlato in conferenza stampa dopo l’amichevole disputata nella giornata di ieri contro l’Auronzo di Cadore. A riportare la conferenza integrale è Lalaziosiamonoi.it.

Il clima migliore per preparare la stagione?

“Sì, un bel clima. Siamo andati lontani da Roma, qui si sta bene. Abbiamo avuto un buon anno, è finito e ora ricominciamo nel migliore dei modi”.

Si ripate con quali obiettivi?

“Gli stessi, come sempre: vogliamo arrivare in Europa. Ci siamo riusciti nell’ultima stagione, speriamo ora di arrivare in Champions. Sappiamo che ci andranno 4 squadre, faremo di tutto per riuscirci”.

Sta arrivando Biglia, cosa pensate?

“Lo aspettiamo a braccia aperte, è il nostro capitano e rimane il nostro capitano. Speriamo di averlo a lungo con noi, si è parlato tanto del suo futuro, noi lo vorremmo qui per sempre”.

Cosa ha questo ritiro di diverso rispetto agli altri?

“Sono quasi tutti uguali, si lavora tanto, quest’anno sembra la preparazione post-vittoria di coppa Italia per la presenza dei titosi. C’è tanto calore intorno a noi”.

Keita?

“Sta bene, anche lui è invecchiato (ride, ndr). E’ cresciuto, mi ha sorpreso in senso positivo, sta lavorando bene. Siamo contenti di lui”.

State cercando di convincerlo a restare?

“Speriamo restino tutti, parlo dei 3 big in dubbio”.

Il calciomercato che non decolla può complicare l’inizio della stagione?

“Da quando sono io qui abbiamo fatto un anno bene e poi uno male. Speriamo di rompere la maledizione. L’importante è che i 3 giocatori di cui si parla tanto, fin quando saranno qui, daranno tutto in allenamento e nelle partite”.

Ti trovi meglio nella difesa a 3?

“Il mister sta cambiando il sistema dalla scorsa stagione. Abbiamo iniziato il ritiro con 3 in difesa, l’anno scorso qualche partita l’abbiamo fatta così”.

Cosa serve per fare bene anche l’anno prossimo?

“Dobbiamo cancellare l’anno che è appena passato. Gli anni scorsi ci siamo forse un po’ adagiati sull’anno appena concluso. Dobbiamo ripartire da zero, come se non avessimo conquistato niente. Siamo all’inizio, ho visto i ragazzi prontissimi. Stiamo migliorando ogni giorno”

La Champions è una speranza o un obiettivo? Quanto dipende dalla permanenza dei big?

“E’ un sogno di tutti la Champions, non lo nascondo. Siamo stati a un passo, abbiamo sofferto dopo l’eliminazione con il Leverkusen e abbiamo avuto un’annata negativa. Non so quanto dipenda dalla permanenza dei 3, non credo molto”.

Che ne pensi di Lucas Leiva?

“Io aspetto Lucas Biglia, poi vediamo. Se arriva anche Leiva siamo contenti: ci saranno tante competizioni, ne abbiamo bisogno”.

Da cosa dipende il salto di qualità?

“Dobbiamo stare concentrati, partire bene con la testa in ogni partita. Solo così possiamo arrivare in Champions”.

Un giudizio sui giovani in ritiro e su Marusic?

“Sono dei ragazzi che hanno imparato tantissimo. Sono già pronti per giocare titolari. Di Marusic non posso dire nulla, l’ho visto poco perché è arrivato in ritardo. Ma si vede che è umile e darà tutto per questi colori”.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008