Non è l’avvio di campionato che Sergej Milinkovic-Savic si aspettava dopo il Mondiale: prestazioni altalenanti in campionato ed Europa League a parte, il centrocampista serbo ha un’ulteriore grattacapo a cui far fronte. 

Come riportato da Il Messaggero, infatti, il laziale è stato ascoltato dagli inquirenti in merito allo scandalo scoppiato in Belgio, in cui uno dei protagonisti sembra sia essere il suo stesso procuratore, Mateja Kezman, ex attaccante di PSV e Chelsea.

I magistrati, risultando Kezman irreperibile da giorni, avrebbero voluto carpire da Milinkovic informazioni riguardanti il suo passaggio dal Vojvodina al Genk e dal Genk stesso alla Lazio. Tra le trattative coinvolte, inoltre, pare ci siano anche quelle di Vanja, fratello di Sergej e di Marusic, attualmente anche lui nella Capitale, sponda biancoceleste.


CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.