Simone Inzaghi, allenato della Lazio, ha parlato a Mediaset Premium in occasione della consegna del Premio Scopigno.

Queste le sue parole riportate da lalaziosiamonoi.it“Dopo la partita con il Napoli avevamo queste tre partite che non erano semplicissime ma che siamo stati brave a farle diventare semplici vincendole tutte meritatamente. Grazie ai ragazzi che sono stati bravissimi ad adattarsi e superare le difficoltà, qualcuno anche giocando fuori ruolo”.

Sul VAR: “Penso che ancora ci si debba abituare tutti. Ma io ero favorevole, lo avevo ammesso già in tempi non sospetti. Purché si riesca ad accelerare che la partita non sia troppo ferma con troppi minuti di recupero. Sono favorevole purché si riesca a fare in fretta valutando le situazioni. che la Lazio non sia stata coinvolta non è un problema. Poteva essere chiamata la var, volendo anche ieri, ma va bene così”.

Sulla Juventus: “Ora avremo una partita importante che cercheremo di fare al massimo sapendo che dovremo fare una partita perfetta con la Juventus. L’abbiamo affrontata tante volte, l’ultima volta in maniera perfetta. Dovremo prepararla con i ranghi non al completo per via delle Nazionali, ma ci sono 15 giorni. Personalmente avrei preferito continuare a giocare, siamo in un bel momento. Ma sfrutteremo la sosta per recuperare energie fisiche e mentali sperando di recuperare anche giocatori”.

Sugli obiettivi di questa Lazio: “Ho una squadra matura, dei grandi professionisti. Normale che nelle gerarchie, all’inizio dell’anno, eravamo sulla carta dietro a molte squadre. Ma il nostro obiettivo è restare in alto e divertirci, fermo restando che per noi quest’anno, con l’Europa League sarà più difficile. Divertirsi, magari vincendo qualcosa: con la Supercoppa ci siamo riusciti. Per noi il massimo è cercare di riempire lo stadio e riportare le persone all’Olimpico. Speriamo di avere il grande affetto della nostra gente”. 

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista dal 2017, tifoso del Milan dal 1996. Nato a Catania, nel 2021 si laurea in giurisprudenza. Ama scrivere di calcio ed attualità. Ha pubblicato un libro dal titolo "CircoStanze" con la casa editrice "Prova d'Autore". Attualmente frequenta un master presso la 24OreBusinessSchool.