Lazio, Inzaghi: “Sassuolo sorpresa del campionato, domani sarà difficile”

La Lazio, dopo il successo in Europa League col Marsiglia e i sedicesimi già conquistati, si prepara ad affrontare il Sassuolo per riprendere la sua marcia anche in campionato. Simone Inzaghi, tecnico dei bianconcelesti, ha parlato nella conferenza stampa della vigilia del match che aspetterà i suoi giocatori e delle insidie che può avere.

Di seguito le sue parole: “I neroverdi sono la vera sorpresa del campionato, sono senti in classifica, giocano bene e a viso aperto e domani sarà molto difficile. Dovremo essere bravi sapendo che le insidie saranno tante. Leiva e Badelj? Si sono allenati ieri e oggi, così come Lulic. Dovrò parlare con loro e con lo staff medico ma decideremo solo dopo il risveglio muscolare di domani. Devo valutare anche Marusic e Immobile che hanno dolori dopo l’Europa League. Devo cercare di scegliere la migliore formazione per domani. Luis Alberto tornerà decisivo? L’ho visto bene nel quarto d’ora che ha fatto giovedì, è entrato con il piglio giusto e sta meglio. Per noi è importantissimo, non lascio indietro un giocatore così, siamo convinti che possa tornare sui suoi livelli. Si sta impegnando molto e vedremo se domani entrerà a gara in corso o se partirà titolare.

La nostra reazione dopo l’Inter? Sono convinto che non si possa guardare indietro, dobbiamo lasciare da parte le sconfitte che a volte servono per migliorare. Caicedo? Dovrà svolgere accertamenti, sicuramente lo rivedremo dopo la sosta. Non sappiamo quantificare il problema che ha, abbiamo la fortuna di avere giocatori che possono sostituirlo. Spero di riaverlo contro il Milan.  De Vrij dimenticato grazie ad Acerbi? L’ho voluto fortemente e in queste prime 15 partite ha dimostrato di poterlo sostituire. Vuole sempre esserci, è il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via. Domani sarà una gara da ex per lui, ha avuto un impatto ottimo e per noi è una grande risorsa. La qualificazione in Europa? Siamo contenti, siamo la prima squadra italiana ad aver centrato l’obiettivo. Abbiamo capito di avere un grande gruppo, fatta da gente seria. Tutti cercano di mettermi in difficoltà. È il secondo anno consecutivo che riusciamo a qualificarci in anticipo. Adesso dobbiamo continuare a crescere, passando attraverso le sconfitte possiamo farlo. Non dobbiamo ripetere gli errori commessi quando perdiamo. De Zerbi e il Sassuolo? Il Sassuolo gioca un ottimo calcio, giocheranno sgombri mentalmente e noi dovremo fare una grande partita contro la sua squadra”.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.