La Lazio di Simone Inzaghi, dopo una stagione positiva, non vuole fermarsi e, per tale motivo, si avvicina alla sfida di domani contro il Crotone con l’obiettivo di blindare il quarto posto. Tale ambizione, secondo quanto riportato da lalaziosiamonoi.it, trova conferma nelle parole del mister biancoceleste che, nella conferenza stampa di vigilia, ha ribadito la volontà di continuare a stupire ed ottenere punti utili.

Quanto le darebbe fastidio arrivare quinto?

“Molto. Come ho detto abbiamo fatto un campionato tale che dobbiamo arrivare assolutamente quarti. Non ci cambierebbe molto a livello di Europa League, visto che siamo già qualificati. Ma avendo vinto entrambe le volte con l’Atalanta meriteremmo di arrivare quarti”.

Ha incontrato la società? Il rinnovo è una formalità?

“Per il rinnovo c’è la volontà da entrambe le parti di continuare. Dalla società ho avuto ampie garanzie, la rosa sarà qualitativa e competitiva sui tre fronti. Ma abbiamo ancora una partita importantissima. Abbiamo preferito parlarne a campionato finito, dobbiamo prima finire. Abbiamo cominciato bene, dobbiamo onorare il campionato fino al termine”.

Ha parlato con i big in uscita?

“Abbiamo tantissimi giocatori, è normale che per aprire un ciclo bisogna fare in modo che i migliori rimangano. La società sta intensificando la comunicazione con loro, sta facendo di tutto, ci sarà una trattativa, ci sarà da parlare. Le parti dovranno trovare un accordo, so che la società farà di tutto per accontentarmi”.

Comunque la sua permanenza non è in dubbio?

“L’ho detto in tempi non sospetti. Allenare la Lazio è il mio grande sogno, sono riuscito a realizzarlo, con il lavoro svolto negli anni passati e in questi ultimi 12 mesi grazie anche al lavoro del mio staff. Io ho detto che da entrambe le parti c’è la voglia di andare avanti insieme e questa cosa avverrà. Ma abbiamo un’altra partita, la prossima settimana si farà tutto”.

Cosa può dire ai tifosi?

“Posso dire che la società sta facendo di tutto per accontentarmi, per tenere i calciatori migliori. Hanno avuto contatti continui, sanno quello che è il mio desiderio. Ma comunque ho avuto garanzie, se qualche big partirà allora verrà sostituito nel migliore dei modi. Sappiamo a cosa andiamo incontro, a una stagione complicata”.

Biglia sarebbe il più difficile da sostituire?

“Sono tutti difficili da sostituire. Stiamo parlando di 3 top player. Lucas è il nostro capitano, sono fiducioso. La società farà di tutto per accontentarmi, ma so che serve la volontà da parte di entrambe le parti. Spero di averli tutti e 3 ad Auronzo”.

Si aspettava Biglia sul mercato?

“Sapevamo che poteva esserci questo problema, sono 3 giocatori che hanno mercato e hanno fatto bene quest’anno. La società sta cercando di accontentarmi”.

Ha riconoscenza verso la società?

“Certo, la società mi ha dato una possibilità, noi abbiamo fatto una grande stagione. Abbiamo ottenuto la qualificazione all’Europa League con largo anticipo, abbiamo fatto una finale di Coppa, ce ne aspetta un’altra con la Juve. Ma non dobbiamo farci trovare impreparati, i tifosi si aspettano tanto da noi”.

Ha fatto nomi di mercato?

“Non ci faremo trovare impreparati, insieme al direttore stiamo valutando e studiando, tutto può essere. Ho determinate garanzie che mi fanno ben sperare per il futuro”.

Che voto alla stagione della Lazio?

“Darei 9,5. Sarebbe stato 10 vincendo la finale di Coppa Italia. In partita unica avremmo potuto giocarcela, abbiamo avuto qualche problemino a Firenze dove abbiamo perso 2 giocatori importanti. Contro la Juve abbiamo fatto una buona gara, serviva una partita perfetta. Abbiamo preso gol evitabili”.

Quanto cambia la preparazione senza i big?

“C’è un mercato, ci sono degli incontri e ci sono delle parti che devono trovare un accordo. La mia speranza è questa, che si possa ricominciare con un gruppo rodato. Ma se succederà altro, faremo di tutto per farci trovare pronti”.

Cosa manca alla sua firma? Perché non è ancora arrivata?

“Perché sono state settimane intense, ho aperto la conferenza dicendo che c’è voglia da entrambe le parti. L’accordo ci sarà e vorremo ripartire più forti di prima. Abbiamo avuto delle partite importantissime nelle ultime settimane, la finale con la Juve e anche quella con l’Inter che ci avrebbe dato il quarto posto. Vogliamo arrivare quarti, anche se il quinto posto non è il sesto e non cambia niente dal punto di vista del ritiro e del calendario. Sappiamo cosa troveremo a Crotone, Nicola è un allenatore che mi piace, ma vogliamo chiudere bene”.

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008