L’allenatore della Lazio Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro la Sampdoria. i seguito le sue parole: “Per noi arrivare in Europa sarebbe qualcosa di veramente importante, visto da dove siamo partiti. Come ho detto in precedenza ci siamo meritati questo e dobbiamo fare l’ultimo sforzo per raggiungere questo traguardo non avendo un calendario semplice e una finale di Coppa Italia da giocare. Record? Guardiamo le statistiche e sappiamo di aver già fatto diversi record, ma sappiamo che domani giochiamo una gara difficilissima e importantissima che dobbiamo affrontare nel migliore dei modi. Giochiamo contro una squadra allenata molto bene da Giampaolo, un mister che stimo, e che verrà qui a fare la sua gara“.

Sul futuro: “Qui sto benissimo, il massimo che mi poteva capitare era allenare questa squadra. Sono laziale e dopo tanti anni con i ragazzi che mi sono serviti tantissimo per crescere sono felice di essere arrivato qui. Col presidente dopo la fine della stagione parleremo e troveremo un accordo come sempre“.

Sui manichini appesi: “Sono fortemente contrario a qualunque cosa istighi alla violenza, però non bisogna cercare sempre il marcio per forza. Vivo a Roma da più di 20 anni, so come funzionano le cose specialmente dopo i derby. Ci sono tantissimi sfottò da ambo le parti e bisogna fare le distinzioni fra questi e i fatti realmente gravi“.

Sulla squadra:La squadra sta bene. Abbiamo lavorato molto bene in vista della Sampdoria, ma giochiamo in casa e sicuramente troveremo un bellissimo stadio. Conterà moltissimo l’approccio. Ieri avevo Luiz Alberto e Biglia con qualche problemino, ma credo che tutto possa rientrare nell’allenamento del pomeriggio così come per De Vrji e Lukaku“.

Su Keita: “Vorrei ripartire da tutti i ragazzi a disposizione in questa stagione. So che ci sono problemi contrattuali con alcuni di loro fra cui Keita. Lui sa che io vorrei che restasse perché lo considero molto importante, lo vorrei tenere sempre con me e la società lo sa bene. Farà tutto il possibile per accontentarmi“.

Sugli obiettivi futuri:Dobbiamo lavorare bene in sede di mercato, cercando i giocatori giusti per restare su questi livelli e migliorarci ulteriormente. Poi più di tanto non si possono fare pronostici a questo punto sulla prossima stagione, ma saremo competitivi“.

Ancora sulla gara di domani:Mi aspetto ritmi alti e intensi, servirà grinta in campo sennò c’è il rischio di andare in difficoltà“.

Su Strakosha: “Sta facendo ottime cose in un ruolo molto delicato. Si è trovato catapultato in una situazione non semplice, ma è stato bravissimo a sfruttarla nel migliore dei modi. Ha la mia fiducia e il prossimo anno fara parte del nostro organico“.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008