Lazio, Inzaghi: “Con la Juventus servirà la gara perfetta. Vogliamo ripartire dopo l’eliminazione in Coppa Italia”

Dopo le fatiche di coppa con l’eliminazione in Coppa Italia giunta ai calci di rigore contro il Milan, la Lazio torna a concentrarsi sul campionato, con il difficile impegno casalingo contro la Juventus di domani pomeriggio ormai alle porte.

Simone Inzaghi, tecnico del club biancoceleste, ha presentato così in conferenza stampa il match contro i bianconeri, partendo proprio dalla gara persa con i rossoneri mercoledì: “Quando si perde la possibilità di giocare una finale in quel modo c’è delusione ma abbiamo dimostrato contro il Milan che avremo meritato di passare. Fortunatamente abbiamo subito una partita importante e le energie si troveranno per forza di cose. recupereremo sicuramente al 100%”.

Come si batte la Juve?
“Lo abbiamo fatto giocando due grandissime partite e anche domani servirà una gara perfetta contro un’ottima squadra con un ottimo allenatore. Non gioca Higuain ma ci sarà Dybala, quindi non cambia molto”.

Cambierà qualcosa?
“Ieri qualcuno non stava benissimo a causa di alcune botte ma non c’è alcun problema muscolare a parte quello di Caceres. Oggi pomeriggio valuterò ma come ho già detto recupereremo al 100%”.

Ha parlato con Luiz Felipe?
“Sta facendo benissimo quest’anno e mi mette sempre in difficoltà. Col Sassuolo ha giocato alla grande così come mercoledì quando non era facile entrare. Il rigore? Solo chi non li calcia non li sbaglia, si è preso una bella responsabilità”.

Cosa pensa del turno di domani?
“Sarà una giornata bellissima da vivere. Non pensiamo alle altre ma solo alla Lazio e sappiamo di dover fare una grande partita”.

Ha parlato con i giocatori dopo il Milan?
“Ho detto a tutti che sono molto orgoglioso della squadra. Abbiamo fatto ciò che dovevamo fare. Ci ha penalizzato il non aver segnato all’andata. Sono orgoglioso della squadra, abbiamo preso solo un gol col Cittadella in Coppa Italia e abbiamo fatto molto bene. Era destino che non dovessimo giocare la finale”.

Come sta Nani?
“Bene, così come Caicedo. Quando li impiego mi danno grandi garanzie ma sono dietro a Immobile, Luis Alberto e Felipe Anderson”.

Come preparerà la gara?
“A livello tattico la Juve può cambiare ma a prescindere da questo sappiamo che dovremo fare una partita perfetta”.

Cosa pensa delle voci su un suo possibile futuro alla Juve?
“Le voci fanno piacere ma la Juventus ha il miglior allenatore italiano del momento. Sono qui alla Lazio da 20 anni ed è la cosa più bella che potesse capitarmi. Abbiamo fatto sette mesi straordinari ma ne mancano tre e dobbiamo continuare così”.

Luis Alberto sta soffrendo i miglioramenti di Felipe Anderson?
“Indipendentemente da chi giocherà entrambi devono accettare le scelte. Anche entrando a mezzora dalla fine si può essere determinanti”. A riportare la conferenza di Inzaghi è Tuttomercatoweb. 

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese.