Lazio-Inter, il doppio ex Stankovic: “Biancocelesti possono riscattarsi dopo lo scontro dello scorso maggio. Milinkovic-Savic? Tornerà al top”

Vecino

Il match tra Lazio e Inter sarà il posticipo della decima giornata di campionato. Un remake della gara che ha deciso la lotta per il quarto posto all’ultima giornata della scorsa stagione. Dejan Stankovic, doppio ex, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, parlando proprio della sfida in questione: “Un pronostico? Non saprei. Per l’Inter è una trasferta abbastanza scomoda dopo due incontri nei quali ha speso tanto. Per la Lazio è una partita che le dà la possibilità di riscattarsi visto che all’ultima giornata contro i nerazzurri ha perso la Champions”.

Sulla sfida tra Icardi e Immobile: “Mauro Icardi è uno che tira il carro, un ragazzo serio e un grande centravanti. Ai tempi in cui ero club manager dell’Inter ho lavorato con lui e vi assicuro che di professionisti così ce ne sono pochi. Lui è cresciuto anno dopo anno e ha dimostrato di meritarsi la fascia grazie ai gol, ma anche con i comportamenti, l’atteggiamento. Immobile rispetto a Icardi è meno uomo d’area, attacca più la profondità e ha una gamma di movimenti più ampia. Anche Ciro ha sempre fatto bene perché è molto bravo a sfruttare le occasioni, ha la cattiveria giusta davanti alla porta, è furbo e segna in ogni modo. Può dare tanto anche in Nazionale se ascolta Mancini, uno che gli attaccanti sa bene come valorizzarli”.

Su Milinkovic-Savic e José Mourinho: “Vedrete che con la testa tornerà presto tranquillo e tornerà a rendere come il vero Milinkovic-Savic. Il gesto di Mou a Old Trafford? Lo definisco una battuta… mimica perché i tifosi della Juventus lo irridevano e lui ha risposto mostrando le tre dita. Il segno del Triplete l’ho riconosciuto subito ed è stato in pieno stile Mourinho. Simpatico, ma non offensivo. Vuol dire che ha ancora voglia di lottare e in effetti lo sta facendo anche se le cose non stanno andando come lui voleva ad inizio stagione. Mi sembra evidente che il suo Manchester United abbia qualcosa in meno rispetto al City, al Chelsea e al Liverpool, ma lui comunque darà il 300% e uscirà dalle difficoltà”.