Lazio, Immobile annuncia: “Il rinnovo è cosa fatta, Tare e Lotito sono uomini di parola”

immobile
Ciro Immobile

Stando a quanto riportato da calciomercato.com, intervenuto in conferenza stampa al termine di Lazio-Triestina 3-0, l’attaccante biancoceleste Ciro Immobilesi è soffermato su diversi spunti creatisi nel corso del ritiro. Il giocatore ha soprattutto annunciato la firma sul rinnovo di contratto, allontanando così i rumoros di mercato. Immobile in questa finestra di mercato è stato accostato soprattutto al Milan.

Di seguito le sue parole: “Sicuramente bisogna partire da quanto di buono fatto l’anno scorso, giocando da squadra. Dovremo anche migliorare le nostre lacune, correggendo i nostri blackout. A livello personale non si possono fare sempre 41 gol, ma io prometto di fare sempre il massimo e di sudare la maglia. I gol, poi, sono conseguenze del lavoro della squadra e del mister. L’Europa League? Abbiamo buttato via noi quanto di buono fatto contro Red Bull e Salisburgo. Il mercato? L’ho detto a fine campionato, quando uno fa così bene e segna così tanti gol è normale che venga corteggiato. Sono rimasto sereno, sono felice e orgoglioso di quanto fatto. Io, il ds e il presidente sappiamo come stiano le cose. Sono stati loro a chiamarmi, ci fidiamo l’uno del l’altro, di ciò sono felice. Ho firmato a novembre, rifare il contratto dopo 10 mesi è un motivo d’orgoglio per me. l ds ha un po’ da fare ora, appena si libera contiamo di fare tutto. Lui e il presidente sono uomini di parola, quindi faremo tutto appena possibile.

La Champions? Non era un obiettivo l’anno scorso, lo è diventato. Cercare la continuità è quello che più ci preme. Sul mercato posso dire che la società sa cosa ci serve. Il calendario? Preferiamo partire bene, avendo tre competizioni. Poi lo sappiamo che il campionato può metterti di fronte a trasferte ostiche dopo le coppe, quindi vedremo cosa diranno i sorteggi. Cristiano Ronaldo? Ha vinto un sacco di volte la classifica marcatori in Spagna, e punterà a farlo anche qui in Italia. Quando è arrivato ho pensato subito che ho fatto giusto in tempo a vincerla l’anno scorso. La nazionale italiana? L’Italia dovrà rinascere, e credo che Mancini sia la persona giusta per ricominciare questo ciclo. Il mio partner ideale? Luis Alberto ha una visione di gioco perfetta. L’anno scorso abbiamo fatto un campionato straordinario con tanti gol e assist. Il merito, però, è anche di Milinkovic-Savic. Mi trovo bene anche con Caicedo, però, così come anche con Felipe Anderson prima che andasse via”.

 

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.