Tra due giorni ci sarà il big match tra Monaco e Juventus, una semifinale di Champions League di alto livello. Ai microfoni de La Stampa ha parlato un ex del nostro campionato, Kamil Glik ha raccontato la sfida analizzando il livello della Juventus.

Ecco quanto evidenziato da Tuttomercatoweb qui di seguito:  “La foto sui social al momento del sorteggio? Al Toro ho passato anni felici, con tanti ricordi, belli o brutti, era un modo per dirlo. Non dico simpatico, ma neppure volevo caricare la sfida. Noi il Leicester d’Europa? Fino a un certo punto, perché questo è un club che ha sempre lottato per il campionato: ma in Champions, sì. Ci sono momenti di stanchezza, perché abbiamo giocato tanto, ma stiamo bene. E quando vinci recuperi meglio. La Juve fa la fase difensiva molto bene: se non è la più forte d’Europa, è una delle più forti. Falcao e Mbappé sono meglio di Higuain e Dybala? I numeri dicono di sì, anche se a me non piace mai paragonare i giocatori. Mbappé è un bravo ragazzo, sempre calmo, con i piedi per terra. E se a 18 anni fa questi numeri non è un caso: un caso sono 5 partite, non venti o trenta. La Juve per me non è un avversario qualsiasi, dopo aver giocato e vissuto cinque anni bellissimi a Torino: ma quando si entra in campo, non ci penso. Juve favorita? È la migliore di quelle rimaste in Champions: la più favorita. In teoria, perché poi ogni partita ha la sua storia. Difende bene e ha giocatori forti davanti: insomma, è equilibrata e tosta. Il nostro punto di forza? La fase offensiva: una squadra che fa 150 gol significa che qualcosa ha”.

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008