La Juventus è ufficialmente in Champions League, ora penserà alla finale di Coppa Italia contro l’Inter e poi programmerà la prossima stagione. Alcuni discorsi però sono già avviati, perché prima di intraprendere trattative con altre squadre, bisogna dare priorità ai giocatori in scadenza di contratto. Oltre a Dybala, il cui contratto come è ormai noto non verrà rinnovato, la società bianconera dovrà trovare una soluzione per gli altri calciatori che andranno in scadenza al termine di questa stagione.

Riscatto Morata: vale davvero 35 milioni?

Il discorso più spinoso riguarda il contratto di Alvaro Morata. La Juventus, come d’accordo con l’Atletico Madrid, dovrà pagare 35 milioni di euro per il riscatto dell’attaccante. I bianconeri gradirebbero la permanenza dello spagnolo, ma allo stesso tempo vorrebbero ricontrattare con l’Atletico per convincerli ad abbassare il costo del riscatto. 35 milioni è un prezzo che la Juve non intende pagare e le trattative con gli spagnoli saranno fondamentali per il destino dell’attaccante che comunque ha sempre dimostrato di trovarsi bene in bianconero.

Perin ha rinnovato: permanenza o addio monetizzato?

In porta, Mattia Perin era in scadenza al termine della stagione ma di recente ha rinnovato fino al 2025. Sarà interessante vedere gli sviluppi del mercato estivo. Perin è il secondo portiere della Juve, una riserva molto affidabile ma lo stesso portiere non ha mai nascosto la volontà di giocare in una squadra meno ambiziosa ma che almeno gli garantisce il posto da titolare. Vedremo quindi quale sarà il significato del rinnovo: se per blindare il secondo portiere o se per cederlo monetizzando.

De Sciglio verso il sì, Bernardeschi ancora incerto

Gli altri due giocatori in scadenza di contratto sono Bernardeschi e De Sciglio. Il primo quest’anno a tratti si è ritrovato, anche se è stato fuori diverso tempo per infortunio. Non è una primissima scelta, ma Allegri lo potrebbe tenere volentieri come riserva. Bernardeschi percepisce uno stipendio annuale di 4 milioni di euro, la Juve non chiude le porte al rinnovo ma intende trattare e chiudere un eventuale accordo a cifre più basse. Se l’esterno accettasse di ridursi l’ingaggio, allora potrebbe restare in bianconero. In caso contrario, è probabile vedere Bernardeschi vestire un’altra maglia nella prossima stagione.

De Sciglio invece non ha ancora trovato un accordo ufficiale ma ha più possibilità di rimanere alla Juve rispetto a Bernardeschi. Il terzino è ormai l’uomo di fiducia di Allegri, le sue prestazioni quest’anno sono state convincenti ed è concreta l’ipotesi di un prolungamento fino al 2025.

Cuadrado resta un anno in più, Chiellini un anno in meno?

Oltre a Perin, ha rinnovato anche Cuadrado, ma il suo contratto è stato allungato di un solo anno. Inizialmente si pensava che il colombiano potesse consolidare il suo matrimonio con la Juve con un biennale, ma le parti hanno preferito spostare la scadenza di 12 mesi. Poi, ci sarà il tempo per decidere se rimanere insieme ancora più tempo.

Potrebbe invece salutare prima della fine del rinnovo Giorgio Chiellini, che aveva prolungato fino al 2023 per giocare da protagonista il mondiale in Qatar. Dopo la tragica ed inaspettata eliminazione dell’Italia, Chiellini potrebbe lasciare la Juve al termine di questa stagione e concludere la sua carriera da calciatore da altre parti. Forse in America, ma dalle sue recenti dichiarazioni trapela l’intenzione di salutare la Juve un anno prima rispetto alla scadenza.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo