La Roma sta buttando via la stagione?

roma

Le ambizioni di anno scorso erano decisamente alte, l’arrivo di Fonseca nella Capitale era stato accolto con una buona dose di ottimismo da parte dei tifosi della Roma e l’allenatore portoghese non ha mai nascosto il suo desiderio di riportare qualche trofeo nella bacheca.

I presupposti per disputare una stagione dignitosa c’erano tutti, così come i risultati fino all’interruzione per il Coronavirus. Qualche alto e basso come sempre ma probabilmente meno frequenti delle scorse stagioni e l’obiettivo minimo, ovvero la qualificazione in Champions, fin da subito pareva un traguardo non così impossibile da raggiungere.

Pre e post quarantena: due squadre diverse

Fonseca aveva infatti trovato una giusta quadra per i suoi uomini, il gioco era piacevole ma soprattutto funzionante, che alla fine è quello che conta, con risultati in linea con le aspettative e con il quarto posto che non era mai sembrato particolarmente arduo da agguantare.

Tuttavia, la ripresa del campionato post quarantena ha mostrato molti limiti della Roma e, in quattro partite dopo la ripartenza, sono arrivate ben 3 sconfitte di cui due contro dirette concorrenti come Milan e Napoli. Stasera i giallorossi affronteranno il Parma e un altro passo falso non sarebbe più tollerabile.

Il quarto posto dista 15 punti e, a meno 8 partite dal termine della Serie A, nemmeno il più ottimista dei tifosi potrebbe pensare ad una rimonta nelle ultime gare. C’è quindi da consolidare l’accesso alla prossima Europa League con il dovere di qualificarsi senza dover passare dai preliminari ma direttamente ai gironi. La Roma in sole tre partite ha letteralmente buttato via una stagione, che potrebbe essere salvata solo nel caso in cui dovesse arrivare una vittoria in Europa League, riportando così un trofeo nella sponda giallorossa del Tevere ed eliminando la delusione di una stagione sprecata in poche partite. Ma, questo vale per tutti, vincere un trofeo come l’Europa League non è di certo facile ma il nuovo format, valido solo per questa stagione, potrebbe in qualche modo servire un assist a Fonseca e giocatori.

Le cause della caduta giallorossa

Prima di tutto, c’è da ricordare che la Roma nel corso della stagione ha dovuto fare i conti con molti infortuni di cui alcuni anche gravi, come Zaniolo, Pellegrini e Cristante, e servirà fare attenzione per non incorrere in ricadute che danneggerebbero ulteriormente la squadra. Giocare ogni 3 giorni non aiuta da questo punto di vista, lo stesso Fonseca ha spiegato che alcuni giocatori dovranno essere gestiti e che altri non sono in condizione, come lo stesso Pellegrini e Under. Altro fattore svantaggioso è l’età media non giovanissima della squadra, disputare partite in giorni molto ravvicinati nel periodo estivo può andare a discapito della Roma. E così è stato.

Caos societario e il caso Petrachi

Fonseca non ha eccessive responsabilità perché ha dimostrato di poter ottenere buoni risultati ma attualmente non ci sono le condizioni per fare in modo che questo possa accadare. Perdere contro Milan e Udinese ha tagliato le gambe alla Roma che di conseguenza è crollata psicologicamente e la conferma è arrivata contro il Napoli dove non c’è stata una vera e propria reazione. Si può anche citare la situazione societaria, con Petrachi sospeso dal suo incarico e con un cambio di proprietà che prima sembrava dovesse avvenire e poi a causa dello stop ha subito un notevole rallentamento. Altri giocatori sono finiti sul mercato e probabilmente sono già consapevoli che a settembre non vestiranno la stessa maglia di oggi. Una situazione quindi non eccessivamente serena in casa Roma, quando l’obiettivo Champions è diventato sempre più lontano l’intera squadra ha dato l’impressione di mollare e di avere poche motivazioni.

Pensare alla prossima con il sogno EL

Tutto questo era evitabile? Considerando l’andamento e i risultati prima della pausa sì ma se come si dice “non tutti i mali vengono per nuocere”, allora l’intero ambiente della Roma ha l’obbligo di imparare gli errori di questa stagione per non fallire la successiva. Probabilmente serve un ringiovanimento della rosa e cercare risolvere la questione infortuni, che da anni sono un grosso problema per la Roma. Per la stagione successiva è importante continuare con Fonseca perché ha dimostrato di poter fare molto bene.

Il campionato attuale è invece ormai compromesso e una qualificazione diretta ai gironi della prossima Europa League è diventato l’obiettivo minimo dei giallorossi ma un eventuale quinto posto (o sesto se il Napoli vincitore della Coppa Italia e quindi già ai gironi dovesse arrivare quinto) non salverebbe in maniera definitiva la stagione. Si potrebbe salvare solo in caso di vittoria dell’Europa League, non impossibile ma comunque difficile. La stagione era partita sul binario giusto, sono bastate appena 3 partite per deragliare e buttare via una stagione che sarebbe dovuta terminare in altro modo.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008