90esimo- #JuveStabiaSiracusa(1-0): arrivano i 3 punti, Carlini in gol, ma che fatica

tifosi juve stabia

Nel girone d’andata la Juve Stabia non ha mai perso: quest’oggi al Menti, per la prima di ritorno, le vespe vogliono ricominciare da dove hanno concluso. Contro il Siracusa, Caserta si affida in avanti al capocannoniere del girone Paponi, Melara e ad Elia. I tre punti sono necessari per continuare a volare e allontanare le inseguitrici(il Trapani secondo, a meno 7, oggi incontra la Reggina in un match non banale). Il clima è di quelli ideali per giocare una partita di calcio: i tifosi del Siracusa e della Juve Stabia si abbracciano “nel ricordo di chi tifa dall’alto dei cieli”.

PRIMO TEMPO

E’ una sana giornata di sport quest’oggi al Menti. Il gemellaggio tra le vespe e il Siracusa è tra più longevi del mondo del calcio. Ma al fischio di inizio dell’arbitro Federico Longo è comunque battaglia(calcisticamente parlando, come giusto che sia). La Juve Stabia parte bene, benissimo, con il solito Carlini, che in più occasioni crea superiorità numerica. Buona prestazione anche per Melara(che uscirà, per Canotto, al 41′, causa infortunio) che più volte mette in difficoltà sull’out di destra i difensori del Siracusa, arrivando spesso al cross. Al 21′ arriva il gol che sblocca il match: Elia serve un ottimo assist a Carlini, che di testa insacca la palla in rete. Il Siracusa subisce il gol dell’1-0 e si sveglia. Gli uomini di Raciti provano a mettere in difficoltà la difesa gialloblu, che concede qualche ripartenza di troppo. In particolare, è Marzorati a soffrire le offensive dei siciliani. Al 39′ le vespe rispondono agli ospiti con Paponi, che si lascia ipnotizzare dal portiere avversario.

SECONDO TEMPO

Parte subito meglio il Siracusa, che sin dai primissimi minuti si dimostra aggressiva e vogliosa di raggiungere il pareggio. Ma la prima vera occasione del secondo tempo è a tinte gialloblu: Paponi supera Messina ma perde l’attimo per concludere in rete. La Juve Stabia mantiene i ritmi alti, aggressiva, ma spesso imprecisa e frenetica. In particolare, è tanta la voglia di Luigi Canotto(ammonito al 52′ per proteste) di tornare al gol, dopo l’infortunio. Al 63′, Elia dimostra tutte le sue qualità: prende palla, scarta due giocatori avversari e serve la palla a Paponi, che non riesce a finalizzare in rete. La sfera arriva a Mastalli che prova la conclusione di prima, ma il tiro è troppo debole e non impensierisce Messina. Il Siracusa non intende mollare: la tensione aumenta anche tra i giocatori. Al 78′ Allievi si avvicina a Tiscione, a muso duro i due. Poco dopo è Di Sabatino ad essere ammonito per aver trattenuto Canotto. Gli ultimi minuti di gioco sono a tinte siracusane. Gli ospiti chiudono in difesa gli avversari, che temono la beffa nel finale. L’arbitro, intanto, decide di dare 5 minuti di recupero. Al 94′ Carlini conquista una punizione preziosa al limite dell’area: tira un sospiro di sollievo la Juve Stabia. Federico Longo di Paola decreta la fine del match: possono festeggiare le vespe, che conquistano tre punti preziosissimi, considerando soprattutto come è arrivata la vittoria. Soffrono gli uomini di Caserta, come poche volte in stagione. Spinti dal pubblico del Menti, le vespe si sacrificano e lottano, conquistando la vittoria. Onore, però, agli avversari, in partita fino alla fine del match. Ora tocca riposarsi e godere delle meritate ferie. Si ritorna in campo il 20 gennaio: le vespe voleranno a Viterbo per il secondo turno del girone di ritorno in casa con la Viterbese.

Juve Stabia(4-3-3): Branduani; Vitiello, Marzorati, Troest, Allievi; Calò, Mastalli(75′ Mezavilla), Carlini; Melara(41′ Canotto), Elia(86′ Aktaou), Paponi. A disp: Venditti, Schiavi, Ferrazzo, El Ouazni, Castellano, Viola, Dumancic, Sinani, Canotto, Aktaou, Lionetti, Mezavilla. All: Fabio Caserta.

Siracusa(4-3-3): Messina; Di Sabatino, Turati, Bertolo, Bruno(45′ Franco); Fricano, Ott Vale(67′ Russini), Daffara(83′ Diop); Catania, Mustacciolo(87′ Rizzo), Tiscione. A disp: Gomis, Boncaldo, Franco, Diop. Fricano. Tuninetti, Rizzo, Russini. All: Ezio Raciti.

Arbitro: Federico Longo di Paola. Assistenti di linea: Lucia Abruzzese di Foggia, Riccardo Pintaudi di Pesaro.

Marcatori: Carlini(Js)

Ammoniti: Canotto(Js), Daffara(Si), Calò(Js), Franco(Si), Di Sabatino(Si)

Espulsi: nessuno.

Top 90esimo: Elia. Ottima la prova del classe 99 che crea superiorità numerica e regala a Carlini l’assist del 1-0, decisivo per la vittoria.

Flop 90esimo: Marzorati. In difficoltà in queste ultime giornate il difensore gialloblu. La sosta arriva nel momento più opportuno: tocca rifiatare.

CONDIVIDI