Juventus – Roma non è e non sarà mai una partita come le altre 37.

In campo due squadre che negli anni hanno avuto il privilegio di giocarsi diversi campionati italiani, coppe nazionali ed accessi a coppe europee.

L’identikit

Da un lato i capitolini: la compagine iridata del “4-0 zitti e a casa”, del violino di Garcia, del primo gol di Dzeko in giallorosso (sì, lo stesso bosniaco che stasera guarderà i suoi da un freddo seggiolino dell’Allianz Stadium), della punizione di Totti che batté Buffon nel 2013 dando alla Roma un’illusione di grandezza ed ai quasi 55 mila all’Olimpico un assaggio di supremazia.

Dall’altra parte della barricata i bianconeri: nove anni di dominio nazionale, la rete di Osvaldo allo scadere in un pomeriggio di fine campionato, la punizione di Del Piero sulla quale non poté nulla Doni, il gol in progressione di Ibrahimovic ed il gol di Bonucci allo Stadium che consegnò alla Juve di Allegri la consapevolezza di essere grande.

Febbraio 2021: sfida ad alta quota

Stasera, agli ordini del signor Orsato di Schio sul curatissimo prato piemontese, arriveranno due squadre lontane parenti di quelle sopra citate.

La Nave Giallorossa, guidata dalle sapienti mani del comandante lusitano Fonseca e rivoluzionata in toto negli anni, ha come similitudine col passato soltanto il colore della divisa. L’andamento nelle burrascose acque del campionato di Serie A 20\21 sembra essere preciso e senza rilevanti intoppi; il terzo posto occupato momentaneamente in classifica certifica le enormi potenzialità della squadra di Romolo che – con un bottino pieno all’ombra della Mole – si ritroverebbe a meno 4 dall’Inter momentanea capolista.

L’Armata Bianconera in versione diesel guidata da un pilota sicuro e sapiente, seppur neopatentato, ha come compito principale quello di dare continuità ad un progetto orchestrato quasi due quinquenni fa dal rampollo di casa Agnelli: Andrea, un nome che nella Juventus 2020\2021 sembra riecheggiare spesso tra le mura della Continassa.
Attualmente quarta forza del campionato, i bianconeri con una vittoria tornerebbero prepotentemente nell’élite della massima competizione nazionale, con una partita da recuperare ed a meno 5 dai nerazzurri battistrada.

Colpo su colpo

Cosa aspettarci dai 90 minuti che attendono le due corazzate? Sicuramente sarà una partita godibile tra due squadre consce del proprio potenziale che hanno più volte mostrato di saper giocare bene a calcio.

Gli ospiti, guidati dalla loro linea green, sono il terzo miglior attacco del Campionato, mentre i bianconeri – agli ordini dello zoccolo duro Chiellini-Bonucci– occupano la posizione di miglior difesa della competizione.

Un team attacca molto bene, l’altro difende senza sbavature: si prospetta un’ottima partita di scacchi dove avrà la meglio chi riuscirà a mantenere il sangue freddo e la letalità per un secondo in più dell’avversario.

E allora buon calcio!

Buon calcio a Francesco Totti ed Alessandro del Piero;
buon calcio a Rosella Sensi e Giovanni Cobolli Gigli;
buon calcio a Patrik Schick e Marcelo Estigarribia;
buon calcio a Zdenek Zeman e Fabio Capello;
buon calcio a Weston McKennie e Lorenzo Pellegrini;
buon calcio ai milioni di tifosi ancora in manette sul divano.

Buon Juve – Roma a tutti.

CONDIVIDI
Vincenzo, classe 1998, amante del bel calcio e della Juve. Il mio preferito: Roberto Baggio, IL GIOCATORE.