#JuventusRealMadrid, Zidane: “Ci hanno messo in difficoltà, ma noi bravi a resistere”

Zinedine Zidane

Zinedine Zidane, tecnico del Real Madrid, ha parlato così in sala stampa nel corso della conferenza stampa post Juventus-Real Madrid, match stravinto dai blancos per 3-0 grazie ad uno straordinario Ronaldo, del quale il tecnico parla così: “Sono l’allenatore, ma anche un tifoso. Per questo mi sono messo le mani in testa. Sono felicissimo, è per questo che Ronaldo è un giocatore diverso dagli altri. Siamo felici per lui e per noi stessi visto che gioca con noi”.

Sul risultato: “La Juve ci ha messo davvero in difficoltà, ma noi siamo stati bravi a resistere. 0-3 è un risultato ampio, forse troppo rispetto alla partita, ma eravamo qua per vincere e per questo siamo felici. Vincere 3-0 in un campo così difficile può succedere poche volte”.

Ancora su Ronaldo: “Ero felice, il gesto tecnico mi ha colpito. Bisogna solo togliersi il cappello”.

Sul suo gol a Glasgow: “Forse il mio era più bello… (ride, ndr). Sicuramente questo è più importante perché l’ultimo”.

Su Isco: “Ha fatto una grande partita e ne sono felice. Ha rande personalità, vuol sempre giocare ed è stato importante fra le linee. Il primo gol è arrivato per merito suo. Nei 10-15 minuti ha giocato alle spalle di Ronaldo facendo benissimo. Sono felice per lui e per tuta la squadra. Per fare una gara del genere serve giocare bene di squadra”.

Su Ronaldo: “Cristiano è questo, fa delle cose che sono solo sue. E’ uno dei più bei gol della storia del calcio. Magari non più bello del mio, ma questo ripeto è l’ultimo quindi vale di più. Sono un po’ geloso, mi ha rubato la ‘copertina’. Ma sono anche contento perché ce l’abbiamo noi”.

Sull’applauso dello stadio: “Questo pubblico è così, è bello vedere una reazione del genere da parte dei tifosi perché non succede spesso”.

Su Bale: “E’ un giocatore che oggi non ha giocato perché c’erano altri. Mi serviva un lavoro diverso, ma Gareth ha un peso importante nella squadra. Domenica ci sarà un’altra partita e dovrà essere pronto”.

Sul futuro: “Non lo so. Per me l’importante è il giorno dopo giorno. Mai dire mai, io sono felice a Madrid ma in questo club contano solo i risultati. Fin quando andrò bene sarò qua, poi vedremo”. A riportare è TuttoJuve.com

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.