#JuventusRealMadrid, Buffon: “C’è grande rammarico perché probabilmente usciremo. Ronaldo come Maradona e Pele”

E’ un Gianluigi Buffon affranto quello che si è presentato ai microfoni di Premium Sport al termine di Juventus-Real Madrid, match conclusosi con il risultato di 3-0 a favore dei blancos, i quali hanno vinto nuovamente contro i bianconeri, come nella finale di Cardiff di un anno fa.

Ecco di seguito le parole del capitano bianconcero, riportate da TuttoJuve.com: “

Sembra di essere rimasti all’ultima volta che ha rilasciato l’intervista in campo contro il Real. La differenza è che stavolta si è visto un solo uomo del Real.
“No, si è visto quello che sempre è, che è sempre stato fino ad oggi, un giocatore di livello straordinario, insieme a Messi stanno scandendo le vittorie più importanti delle loro squadre e questo sta a significare che il loro valore, il suo valore, va equiparato ai Maradona, ai Messi, ai Pelè, per quanto riescano a incidere nelle partite, nei trofei vinti delle proprie squadre”.

Si era detto che la Juventus non poteva permettersi di sbagliare nulla, sono state sbagliate un paio di cose davanti alla tua porta in occasione dei primi due gol.
“Sai, sbagli… giochi contro dei campioni di un valore veramente incredibile, quindi non è che sbagli, c’è una bravura eccelsa che ti costringe  ad essere meno preciso del solito, ma questo perchè di fronte hai il meglio. Quando giochi col meglio ci sta anche che le cose vadano in questa maniera. Se parliamo di gente che fa 500 gol in 10-12 anni nella loro carriera, qualche motivo ci sarà”.

Che sentimento hai adesso in riferimento a questa competizione?
“Un grande rammarico, un grande dispiacere, perchè non si riuscirà probabilmente ad andare avanti, e questo purtroppo è un rimpianto, un rammarico grande, ma è anche vero che quando incontri certi avversari devi essere anche sereno nella disamina, devi avere la lucidità per fare anche dei complimenti agli altri perchè sono oggettivamente più forti”.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese.