Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus sconfitta dal Real Madrid per 4-1 nella finale di Cardiff, ha analizzato la gara giocata al Millennium Stadium in conferenza stampa:

“Siamo dispiaciuti per quello che è accaduto ai tifosi, voglio dire prima di cominciare la conferenza”.

Secondo tempo cosa è successo?

“Faccio i complimenti ai ragazzi, grazie per quello che hanno fatto fino ad oggi. Le finali è importanti giocarle, dopo di che speriamo di riuscire con la terza. Il Real ha accelerato e poi il calcio è bestiale, lo stesso tiro di Pjanic è stato parato nel primo tempo. Nei giorni prima della gara la Juve era la grande favorita e il Real sembrava arrivata quasi per caso. Ci sono state delle valutazioni sbagliate nella gara. Dopo il 2-1 bisognava rimanere dentro la partita perchè potevamo avere qualche occasione in piu”.

Dagli uomini piu rappresentativi ti aspettavi di piu.

“Non era semplice, Ramos ha fatto benissimo. Era la prima finale di Champions di Paulo, il nostro primo tempo è stato buonissimo, ma il calcio è questo. Bisogna saper accelerare e decelerare”.

Si è chiuso un ciclo stasera.

“Non abbamo chiuso nessun ciclo, Buffon sarà ancora il portiere della Juve come Barzagli un giocatore. La societa sa dove si deve migliorare. Dopo un po di riposo ci saranno nuovi stimoli. La vita ti da la possibilità di alzarti e riprovare”.

4 gol presi stasera.

“Il calcio è cosi. Abbiamo preso 3 gol in tutta la competizione e 4 stasera. A Cuadrado non ho detto nulla anche se le partite vanno sempre finite in 11”.

Sorpreso il Real?

“A me non ha sorpreso, ha sorpreso tutti quelli che vedevano la Juve vincente”.

Perchè i tanti demeriti stasera?

“E’ accaduto ciò perchè il Real ha alzato la pressione, per giocare con queste squadre devi alzare la fase difensiva. Pjanic ha avuto un problema al ginocchio e l’ho fatto uscire”.

Due anni fa eravate più sicuri in finale?

“Ogni partita ha una storia a se. La juve è arrivata in crescendo in finale. Col Barcellona è successo altro. Il Real Madrid ha dei valori straordinari ma il prossimo anno anche la Juve potrà fare di nuovo una grande Champions”.


CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008