Torino – Si gioca la partita più interessante di questa settima giornata di Serie A 2018/19: all’Allianz Stadium di Torino va in scena Juventus-Napoli, le squadre che si sono giocate il titolo lo scorso anno. Sfida nella sfida anche quella tra i due allenatori: Allegri, che arriva al match forte delle 7 vittorie su 7 partite in stagione, contro Ancelotti, che ha dovuto gestire la pesante eredità di Sarri ma ha iniziato alla grande la sua esperienza napoletana.

CRONACA – PRIMO TEMPO

Partita che inizia subito a ritmi sostenuti. Prima occasione per gli ospiti con Zielinski che al 6′ riceve palla sulla trequarti e dai 25 metri lascia partire una bordata col piede sinistro che si infrange sul palo alla sinistra di un battuto Szczesny. Al minuto 9 è Ronaldo a provarci dalla distanza: il suo tiro però e centrale e viene respinto in calcio d’angolo da Ospina. Al 10′ passano i Partenopei: Bonucci sbaglia un appoggio in uscita, Allan recupera palla sulla trequarti, serve Callejon che offre di prima una palla meravigliosa a Mertens, il belga non deve fare altro che appoggiare in rete per lo 0 a 1.

La partita continua a ritmi altissimi con le squadre che si allungano e distendono da una parte all’altra del campo. Al minuto 26 la Juventus trova il pareggio: grande giocata di Ronaldo che salta secco Hysaj sulla corsia di sinistra e lascia partire un preciso cross per Mandzukic; il croato stacca in mezzo ai due centrali e insacca di testa battendo un incolpevole Ospina. Passano 3 minuti e i bianconeri confezionano una monumentale occasione da gol: Ronaldo guadagna una punizione dal vertice dell’area di rigore dopo l’ennesima giocata, alla battuta va lo stesso numero 7 portoghese che buca la barriera ma trova la buona parata di Ospina; sulla respinta del portiere colombiano non riescono a ribadire in rete Chiellini e Emre Can grazie alla copertura di Koulibaly, la palla poi arriva a Pjanic che da buona posizione calcia ma la palla viene deviata dallo stesso senegalese in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del corner Emre Can calcia alto da buona posizione dall’interno dell’area. Al minuto 43 ultima fiammata di un bellissimo primo tempo: Mario Rui rientra e calcia dal limite col destro, palla di poco alta sopra l’incrocio dei pali. Finisce quindi 1-1 la prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO

Partita vivace anche ad inizio ripresa. Dopo 4 minuti i padroni di casa passano in vantaggio:  il solito Ronaldo rientra dalla sinistra e lascia partire un gran destro sul primo palo, Ospina è bravo a respingere ma la palla sbatte sul palo e diventa buona per Mandzukic che da pochi passi insacca indisturbato, 2 a 1 Juventus. Gli azzurri però non si abbattono e cercano sempre di imporre il proprio gioco, creando anche qualche pericolo per la porta di Szczesny. Il match però al 58′ si indirizza ulteriormente verso i padroni di casa: Mario Rui entra duro su Dybala e prende ingenuamente il suo secondo cartellino giallo.

Il Napoli non molla e cerca di riportare in parità il risultato nonostante l’inferiorità numerica. Al minuto 72 gli uomini di Ancelotti hanno una clamorosa occasione: il neo entrato Milik imbuca per Callejon che, all’interno dell’area, si libera con una finta dell’avversario e calcia col mancino ma trova Szczesny pronto nella ribattuta. Al 76′ i bianconeri chiudono di fatto il match: calcio d’angolo dal destra battuto da Pjanic, spizzata di Ronaldo sul primo palo, palla che attraversa tutta la porta e viene raggiunta da Bonucci sul secondo palo; appoggio vincente del difensore che si fa così perdonare la disattenzione sul gol del Napoli.

Dopo il 3 a 1 non c’è più partita: il Napoli in 10 non riesce a reagire e la Juventus amministra solidamente il vantaggio creando, con l’onnipresente Ronaldo, un paio di occasioni per aumentare ulteriormente il vantaggio. Dopo 5 minuti di recupero l’arbitro Banti pone fine alla contesa: Bianconeri a punteggio pieno dopo 7 partite e campionato che, ad oggi, sembra già non avere storia.

TABELLINO E PAGELLE

JUVENTUS (4-3-3) – Szczesny 6,5; Cancelo 6; Bonucci 6; Chiellini 6,5; Alex Sandro 6; Emre Can 6 (62′ Bentancour 6); Pjanic 6,5; Matuidi 6,5; Dybala 6,5 (64′ Bernardeschi 6); Mandzukic 7,5 (84′ Cuadrado S.V); Cristiano Ronaldo 8.

NAPOLI (4-4-2) – Ospina 6; Hysaj 5; Raul Albiol 5,5; Koulibaly 6; Mario Rui 4,5; Callejon 6; Allan 7; Hamsik 5,5 (69′ Fabian Ruiz 6); Zielinski 6,5 (60′ Malcuit 5,5); Mertens 6 (60′ Milik 6); Insigne 5,5.

Marcatori – 10′ Mertens (N); 26′ Mandzukic (J); 49′ Mandzukic (J); 76′ Bonucci (J)

Ammoniti – 24′ Mario Rui (N); 40′ Koulibaly (N); 55′ Hysaj (N); 60′ Bonucci (J); 60′ Insigne (N); 69′ Cancelo (J); 85′ Alex Sandro (J)

Espulsi – 58′ Mario Rui (N) per doppia ammonizione

Note – 1 min recupero primo tempo; 5 min recupero secondo tempo

Arbitro – Sig. Luca Banti sezione di Livorno

TOP 90ESIMORONALDO (Juventus) voto 8: non trova il gol ma offre due assist fantastici, è sempre una spina nel fianco per la difesa napoletana; la miglior partita da quando gioca in Italia

FLOP 90ESIMOMARIO RUI (Napoli) voto 4,5: con l’altro terzino Hysaj il peggiore del Napoli; commette un’ingenuità colossale in occasione del secondo giallo che compromette il match dei suoi

 

CONDIVIDI