#JuventusMilan, Buffon: “Siamo stati bravi e cinici. Loro completamente diversi dall’andata, bravo Gattuso”

Gianluigi Buffon, estremo difensore e capitano della Juventus, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport al termine di Juventus-Milan, gara vinta dai bianconeri per 3-1: “Siamo stati bravi e cinici. Arriviamo da tante vittorie in questi anni, ma abbiamo sempre grande voglia di vincere. Siamo un gruppo con valori importanti.

Oggi è stato uno snodo importante per noi. Il Milan sta molto bene, ha trovato grande compattezza con Gattuso. Il Milan non ti regala nulla. Volevo fare i complimenti ai rossoneri, rispetto all’andata ho visto un’altra squadra. Faccio i complimenti a Rino”.

Sul Real Madrid: “Martedì sarà una grande partita, voglio sentire il calore dei tifosi. Una squadra così non va mai fischiata al primo errore, il sostegno dei tifosi è fondamentale, devono essere la nostra arma in più. Vogliamo il loro sostegno incondizionato”.

Su Khedira: “Uno come lui non va mai fischiato, è un ragazzo di una professionalità pazzesca. Sta dando sempre tutto per la Juventus, anche grazie a lui abbiamo vinto tanto. Non si può fischiare un giocatore dopo soli 20’, poi al 90’ si tirano le somme. Si vince e si perde tutti insieme”.

Su Bonucci: “I fischi per Leo erano inevitabili, non sono stati una sorpresa nemmeno per lui. Sul gol è stato bravo, forse voleva fare un’altra foto tutti insieme con me, Chiellini e Barzagli (ride, ndr). Bonucci non è stato condizionato dai fischi, anzi è stato caricato”.

Sul gruppo: In questa squadra ci sono tanti capitani, solo così si può vincere per tanti anni”.

Chiosa finale con un commento sul suo futuro: “Io e il presidente abbiamo un’idea, quando sarà il momento la esporremo senza problemi”. A riportare è MilanNews.it.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese.