#JuventusMilan, Allegri: “Un gran segnale battere il Milan. Adesso servono altre sette vittorie”

Allegri

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport nel postpartita di Juventus-Milan, commentando l’importante successo ottenuto per 3-1 contro i rossoneri: “Importante tornare alla vittoria con il Milan che sta bene, abbiamo segnato, poi ci siamo fermati. Bravi i ragazzi a portare la gara a casa, abbiamo fatto bene, era una gara difficile, uno scontro diretto, prendere punti sul Napoli.

Affrontare una gara così difficile e portarla a casa un grande segnale. Quando giochi una gara di calcio, devi capire i momenti della partita, i ragazzi che sono entrati hanno fatto bene, c’e voglia di arrivare in fondo, abbiamo 78 punti tantissimi ma dobbiamo continuare. Bonucci? Scritto, è tornato ha segnato ma bene per lui, noi abbiamo vinto, meglio di così non potevamo immaginare”.

Continua parlando di Khedira: “L’ho tenuto in campo perché ha uno spessore che gli permette di capire i momenti della gara, non si sposta se gioca bene o male, accelera e fa bene. A Ferrara ci voleva un giocatore tipo lui, intelligente. A volte sembra lento a volte sbaglia. A due è andato meglio. I giocatori come lui vengono fuori. Sa leggere le partite e fare bene, caratteristiche diverse da Matuidi, avevo bisogno di uno come lui.

Cuadrado? Rientrato bene, mi sono anche meravigliato, a volte entrando dalla panchina non entrava bene, Douglas da sinistra ha fatto ottime cose. Quota scudetto a 99 punti? 99 perché il Napoli può arrivare a 98, mancano otto gare, ne dobbiamo vincere sette.

Allungo sul Napoli? Significa che siamo tornati alla vittoria, abbiamo gli stessi punti di domenica scorsa con una gara in meno, dobbiamo continuare a fare partita dopo partita e poi alle tre andiamo a Benevento per cercare di vincere. Una alla volta.

Chiosa finale con un commento sull’andata di Champions contro il Real Madrid di martedì: “Con il Real, la più forte, vantaggi ne hai pochi, li devi prendere, loro con tre passaggi vanno in area devi essere bravo”. A riportare è TuttoJuve.com.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.