#JuventusInter 1-0, nel primo tempo meglio i nerazzurri, poi decide Mario Mandžukić

Mandzukic

Si è appena concluso il big match dell’Allianz Stadium, che ha visto i padroni di casa della Juventus sfidare, e battere per una rete a zero, l’Inter di Spalletti.

Dopo una prima frazione di gara in cui, a dover di cronaca, bisogna dire che sono stati i nerazzurri ad avere il pallino del gioco, colpendo addirittura un palo con Gagliardini e sfiorando diverse altre volte il vantaggio, a spuntarla sono stati appunto i ragazzi di Max Allegri grazie alla rete di Mario Mandžukić siglata al minuto 66′.

CRONACA 1° TEMPO

A fare per la prima volta capolino nella metà campo avversaria con decisione sono i nerazzurri, che al 4′ ci provano dalla distanza con Joao Mario: conclusione velleitaria, respinta dalla retroguardia avversaria. Al 6′ arriva il primo giallo del match, estratto nei confronti di Miralem Pjanic. Al minuto 8′ è Dybala a provarci da fuori area, col suo sinistro a giro che termina largo sul fondo. Al 24′ gara interrotta per epistassi nasale di Milan Skriniar, dopo uno scontro aereo. Inter che mostra più convinzione dei bianconeri, ed al 29′ va vicina al gol con un palo clamorosamente colpito da Roberto Gagliardini, che liberato da un ottimo lavoro di protezione e scarico svolto da Mauro Icardi, che aveva attirato su di sè sia Bonucci che Chiellini, conclude in maniera sbilenca e scoordinata colpendo il palo alla sinistra di uno Szczesny già battuto. Un minuto dopo, altro tentativo per gli ospiti con una bella conclusione di Ivan Perisic, autore di un ottimo inizio di gara, che viene prontamente disinnescata dall’estremo difensore polacco. Prima frazione di gara che si conclude senza ulteriori azioni degne di nota, tra un pubblico dello Stadium piuttosto rumoreggiante dopo la prova non eccelsa offerta nei primi 45′ dai propri beniamini.

CRONACA 2° TEMPO

Seconda frazione di gioco che si apre su giri altissimi: tra il 54′ ed il 57′, il direttore di gara Massimiliano Irrati estrae ben tre cartellini gialli, all’indirizzo di Bentancur, Perisic e Brozovic. Al minuto 58′ Spalletti mette in campo Borja Valero al posto di Politano, cercando maggiore lucidità e qualità in fase di possesso. Passano i minuti e la Juventus aumenta di intensità il proprio gioco, fin quando al minuto 66′ Cancelo sfonda l’out di sinistra, danza sul pallone e serve con un cross al bacio l’accorrente Mandžukić, che in tuffo buca Handanovic siglando la rete dell’1-0. Tre  minuti dopo, Spalletti toglie Gagliardini per mettere in campo Keita Baldè, che nelle ultime uscite era apparso in ottima forma: purtroppo per lui, neanche questo servirà a pareggiare i conti. Da qui al fischio finale, da annotare solo gli ingressi in campo di Douglas Costa per Dybala, Lautaro per Joao Mario e Emre Can, al ritorno dopo lo stop a causa dei noduli alla tiroide, al posto di Pjanic. La Juventus eguaglia i record europei di PSG e Barcellona e si porta a quota 43 in 15 gare, attualmente a +14 sull’Inter e a +11 sul Napoli, domani impegnato al San Paolo contro il Frosinone.

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczesny 6.5; De Sciglio 5.5, Bonucci 6, Chiellini 6.5, Cancelo 6.5; Bentancur 6.5, Pjanic 5.5 (37′ st Emre Can sv), Matuidi 6; Dybala 5 (27′ st Douglas Costa 6); Mandžukić 7, Cristiano Ronaldo 5.5. A disposizione: Perin, Pinsoglio, Benatia, Cuadrado, Rugani, Bernardeschi, Spinazzola. All. Allegri 6.5

INTER (4-3-3): Handanovic 6.5; Vrsaljko 6.5, Miranda 6, Skriniar 6, Asamoah 5.5; Gagliardini 5.5 (25′ st Keita 5.5), Brozovic 6.5, Joao Mario 6 (32′ st Lautaro sv); Politano 5.5 (13′ st B. Valero 6), Icardi 5.5, Perisic 5. A disposizione: Padelli, De Vrij, Vecino, Ranocchia, D’Ambrosio, Candreva. All. Spalletti 6

DIRETTORE DI GARA: Massimiliano Irrati di Pistoia 6

MARCATORI: 21′ st Mandžukić (J)

NOTE:

AMMONITI: Pjanic, Betancur (J); Perisic, Brozovic (I).

RECUPERI: 1′ pt, 5′ st.

TOP 90ESIMO – Mandžukić 7: È ancora una volta il croato ex Bayern Monaco a togliere le castagne dal fuoco alla Juventus in una gara tutt’altro che facile. Lo fa alla sua maniera, di testa, come 3 volte nelle ultime 5 in cui ha timbrato il cartellino. Decisivo.

FLOP 90ESIMO – Perisic 5: L’ala sinistra croata, recentemente autore di dichiarazioni che hanno fatto assai discutere in cui ha ribadito la sua volontà di giocare in Premier League, è l’ombra di sé stesso anche stasera: dopo un buon inizio, va via via spegnendosi come una candela con lo stoppino consumato e con poca cera.

CONDIVIDI