#JuventusAtalanta – Gasperini a Sky: “Ci è mancato il tiro in porta, sono comunque soddisfatto”

Gasperini

Passo falso per l’Atalanta, che interrompe momentaneamente la corsa alla zona Europa League dopo la sconfitta per 2-0 contro la Juventus.

L’allenatore nerazzurro Gian Piero Gasperini ha commentato la gara contro i bianconeri ai microfoni di Sky:

“Ci siamo avvicinati spesso in modo pericoloso, tenendo a lungo aperta la partita, ma ci è mancato il tiro in porta. Fare gol alla Juventus è difficile, ma i presupposti ci sono stati. Io sono soddisfatto”.

Sull’Europa League: “All’inizio non era tra gli obiettivi, ma ho sempre detto di vedere dove saremmo stati a marzo. Siamo un po’ attardati, non è semplice perché in Serie A combattono tutti e possono uscire diversi risultati su ogni campo. Ma noi andiamo avanti e ci proviamo con fiducia”.

Sulle differenze tra Napoli e Juventus: “Dipende anche dal momento in cui le affronti. La Juventus contro di noi è sempre molto attenta, anche oggi ha presentato la miglior formazione possibile. Di recente col Napoli abbiamo avuto dei buoni risultati. Sono due squadre diverse. La Juventus è più difficile da attaccare. Il Napoli è più imprevedibile. Sono due grandi squadre, con caratteristiche diverse. Contro di loro però abbiamo sempre giocato bene”.

Non hai rinunciato a giocare alto. “Quando la Juventus la costringi solo ad attaccare, prima o poi fa gol. Tanti hanno provato con una partita difensiva, ma hanno perso lo stesso. Noi giochiamo sempre così alti. Contro queste squadre, come la Juventus o il Napoli, bisogna avere anche la forza di segnare e magari avere un episodio a favore”.

Se avessero fatto qualche ritocco a gennaio sareste ancora in Europa League? “Non lo so. Sono partite secche, noi siamo andati vicini a superare il turno. Abbiamo giocato molto bene, anche in Coppa Italia. Potevano andare diversamente entrambe le competizioni. Magari però in campionato avremmo potuto ottenere qualche punto in più visto che avrei avuto più opzioni. Ma questa squadra sta dando tutto, l’ambiente è entusiasta”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.