Da anni un pallino dei tifosi bianconeri, la Champions League sarà anche quest’anno l’obiettivo principale della Juventus.

Gianluca Vialli, ex stella juventina, ha parlato ai colleghi di Tuttosport sui bianconeri e sulla sua carriera. Queste le sue parole:

“Sono partito dalla Serie C in un ambiente dove non ero mai sottoposto a stress, poi ho avuto l’occasione di andare alla Juve e invece ho scelto la Sampdoria che per me era la squadra perfetta: tanti giovani, stessa mentalità, un presidente lungimirante e una grande tifoseria. Solo dopo è arrivata la Juve e per me è stato meglio così. Incontravamo una squadra fortissima, che però non aveva mai vinto la Coppa dei Campioni. Io ero quasi stato venduto alla Juventus, perciò sia dal punto di vista fisico che psicologico non eravamo al meglio, o almeno io non lo ero. Sbagliai due gol.”

Sui suoi compagni ha detto: Mancini, Baggio, Del Piero, Zola… tutti numeri 10 di un certo spessore che mi hanno permesso di segnare tanti gol. Poi ho giocato anche con Maldini e Baresi, con portieri come Pagliuca, Zenga e Peruzzi… sono stato molto fortunato. Per quanto riguarda gli avversari, ai miei tempi in Italia c’erano Zico, Maradona, Platini, Falcao. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Oggi mi piacerebbe giocare con Dybala o con Belotti. I più forti? Messi e Ronaldo, ma Mbappé ha lo stesso potenziale.”

Sulla Juve ha aggiunto: Non mi stupirei se ci riuscisse una tra City, United, Juventus, Chelsea, Bayern Monaco, Barcellona, Real Madrid e Paris Saint-Germain, sono tutte su livelli molto alti. In casa bianconera nessuno sta parlando esplicitamente di vincerla e questo significa che invece stanno lavorando sotto traccia per puntare a quell’obiettivo. Dopo 7 finali perse la Juve meriterebbe di vincerla”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008