L’ex centrocampista bianconero Alessio Tacchinardi ha parlato dicendo la sua sulla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid che vedrà i bianconeri questa sera impegnati nel tentativo di raggiungere il triplete, ma soprattutto tentando di rialzare quella coppa che manca dal 1996 in casa bianconera.

Ecco le dichiarazioni dell’ex calciatore bianconero alla Gazzetta dello Sport: “Il passaggio dalla difesa a tre a quella a quattro. E poi tutti i calciatori offensivi insieme in campo. L’altra chiave è stata la gestione del caso Bonucci e la sua esclusione a Oporto.

Allegri si è preso una responsabilità enorme e lì è aumentata la sua leadership verso il gruppo. Grande allenatore. Ovviamente il simbolo della squadra è Buffon, uno che vuole migliorarsi a 40 anni, se non si è rotto il cordone ombelicale della Juve di ieri lo si deve a lui. E dal punto di vista tecnico si dimostra continuamente un grande portiere. Leader di una squadra che ha una base: l’umiltà. Che c’è in ogni partita. Con le grandi e con le piccole”. 

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008