Claudio Ranieri, ex tecnico di Juventus e Monaco, ha rilasciato un’intervista a Il Corriere del Ticino. Tra i vari argomenti, si è parlato del doppio confronto in Champions League tra i bianconeri e i monegaschi:

“Al Monaco ero stato chiamato per rilanciare la squadra, finita in seconda divisione. Abbiamo vinto il campionato e al primo anno siamo arrivati secondi. Poi, però, i proprietari hanno voluto cambiare. Il calcio di oggi a certi livelli è così e bisogna saperlo accettare, ormai non mi scandalizzo e non mi arrabbio più.”

“La vittoria per 2-1 a Bernabeu è stata la mia più bella soddisfazione da allenatore della Juve. Avevamo buoni giocatori, la squadra veniva dalla B, eravamo arrivati terzi al primo anno di A e stavamo risalendo a livello internazionale. Oggi la Juve ha fatto un salto di qualità enorme migliorando molto come società. Bisogna togliersi il cappello di fronte al grande lavoro di Marotta, Agnelli e gli altri componenti del club. Non credo che la Juve sottovaluterà l’impegno. Non sarà una passeggiata ma i bianconeri possono farcela. Champions ora o mai più? Mi sembra un luogo comune perché la Juve ormai ha una società solida e in ogni caso sarà competitiva in Champions anche il prossimo anno. Dybala Pallone d’Oro? Glielo auguro. Non è solo un campione ma un ragazzo straordinario, solare, che trasmette allegria quando gioca e ti fa innamorare di questo sport.” Riporta Calciomercato.com.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008