Oggi è un giorno importante in casa Juventus: oggi è il giorno della presentazione di Aaron Ramsey. Il centrocampista gallese ha tenuto la sua prima conferenza stampa da calciatore bianconero ed ha aperto proprio lui con un breve discorso di ringraziamento sfoggiando un italiano brillante nonostante sia da poco nel Bel Paese: “Buongiorno, grazie a tutti per essere venuti. Voglio dire che sono felice di essere alla Juventus, una delle migliori squadre al mondo. Scusate per l’italiano non perfetto, ma sto studiando”.

Come sta fisicamente e quando sarà pronto?

“Direi che non sono troppo lontano dal rientro. Continuo a lavorare duramente per rientrare al più presto con gli altri”.

Perché ha scelto la Juventus e cosa si aspetta?

“Quando ho sentito che la Juventus era interessata a me, ho pensato che si trattasse l’opportunità di vivere un sogno. È anche una sfida per quanto mi riguarda, fare una vita diversa sperando che tutto vada bene. So che può essere impegnativo ma sono preparato all’idea”.

Non è il primo gallese, Charles qua ha scritto la storia…

“Decisamente. Ha fatto tantissimo per questo club, era un grande giocatore. Spero di poterlo emulare”.

Quali sono le sue sensazioni in questo primo periodo alla Juve con Sarri?

“La squadra mi ha riservato un’ottima accoglienza. Anche l’allenatore è una persona molto disponibile. Non vedo l’ora di cominciare e raggiungere gli obiettivi, voglio fare la mia parte”.

Conferma che resterà a lavorare a Torino per l’infortunio e non andrà in tournée?

“Al momento sto recuperando, è una decisione che sarà presa nei prossimi due giorni. Sono fiducioso per il recupero”.

È un centrocampista abile tecnicamente e fisicamente. Prova più piacere a segnare o fare assist?

“Mi piace avere un impatto sul gioco, cerco anche di creare occasioni. Proverò a segnare”.

Come cambiate lei e Rabiot il centrocampo della Juventus?

“A me piace stare vicino all’area ma anche difendere. Quando comincerò l’allenamento in gruppo capirò quali sono le aspettative su di me e le richiesta dell’allenatore. Sono pronto per rientrare”.

Prima del passaggio alla Juve c’è stata qualche altra squadra interessata?

“Nel momento in cui ho sentito che la Juventus era interessata non c’era motivo di ascoltare altre squadre. Sono entusiasta di essere qua, c’era stata qualche altra proposta ma sono orgoglioso di essere a Torino”.

Ci conferma che prenderà la maglia numero 8? Marchisio ha detto che sarebbe felice che lo prendesse lei

“Sì, so che Marchisio è cresciuto qua e ha avuto una grande carriera con la Juventus. Sarei orgoglioso di emularlo, sono pronto per farlo”.

Per lei è importante il bel gioco?

“Sì, ma è anche importante vincere. Se le due cose stanno insieme è meglio. Sarri, come ho visto lo scorso anno in Inghilterra, è un allenatore che ama il bel calcio”.

Che impressione le aveva fatto Sarri lo scorso anno?

“La scorsa stagione ha fatto bene con il Chelsea, è stato un grande successo per lui. Spero possa portare il suo contributo a questa squadra anche con il bel gioco. Sono sicuro che ci riuscirà”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008