Juventus, Pessotto: “Siamo ai vertici del calcio europeo”

juventus

La pesantissima sconfitta di martedì scorso all’Allianz Stadium contro il Real Madrid ha un po’ destabilizzato l’ambiente bianconero, reo di essersi sopravvalutato in campo europeo.

Non è dello stesso avviso Gianluca Pessotto, ex difensore ed ora dirigente die bianconeri, il quale ha espresso i suoi pareri sulla campagna europea della Juventus. Queste le sue parole riportate da calciomercato.com: “Giocare una partita al Bernabeu è il sogno di tutti. È uno degli stadi più importanti del mondo. Ci sarà una cornice di pubblico incredibile. Mi auguro che la Juventus faccia una bella partita e alla fine faremo i conti. Rimonta? Sicuramente è difficile.Impossibile? Lo diremo alla fine. È una partita da giocare. La Juventus sta bene e ha voglia di fare una bella partita”.

 “La Juve deve fare la corsa su sé stessa. Ci sono molte partite difficili da affrontare e non bisogna mollare niente. La dimostrazione della forza della Juventus è il desiderio di essere competitiva in ogni competizione. Cercheremo di essere determinati fino alla fine”.

Sarà decisivo lo scontro con il Napoli?  – “Decisivo? Può essere, ma a questo punto della stagione non possiamo permetterci nessun passo falso. Non bisogna pensare al Napoli ora ma arrivare bene la sfida”.

Qual è il suo parere sul Napoli?  “Cosa ci preoccupa della squadra di Sarri? Credo che la Juventus abbia la forza per pensare a sé stessa. Quindi la corsa è su di sé e sulla capacità di rimanere concentrata fino alla fine”.

Inzaghi sarà il post Allegri? “Non dovete chiedere a me. Inzaghi? Non parliamo di quella che sarà la prossima stagione… (ride, ndr). Cerchiamo di finire bene questa”.

La Coppa Italia è un obiettivo? “Juve distratta dal campionato? È una finale raggiunta con sacrificio, determinazione e voglia di essere protagonisti in una stagione lunga e difficile. In finale la testa è tutta su quell’appuntamento. Da qui al 9 maggio ci sono tante partite di campionato, poi penseremo a quella”.

Cosa ne pensa del dominio che avete in Italia?  “Se 7 anni fa mi aspettavo questo filotto così importante? Vedendo il lavoro e la qualità della dirigenza ci credevo e ci speravo perché è frutta di un lavoro incredibile e del coraggio di fare qualcosa in un momento di difficoltà nel mondo non solo calcistico ma economico. È il giusto premio”.

Invece per quanto riguarda la Champions? “Gap con le altre squadre in Europa c’era ma si è ridotto notevolmente. Oggi la Juventus è ai vertici del calcio europeo e ci vuole restare. Questo risultato è il frutto di un grande lavoro, ma non permette di fermarsi. Bisogna guardare oltre e innovarsi e rinnovarsi. La dimostrazione è che la Juve è stabilmente tra le migliori squadre europee”.

CONDIVIDI