In attesa della semifinale di ritorno di Champions League tra Juventus e Monaco, l’ex attaccante bianconero  Fabrizio Ravanelli ha analizzato la stagione della Juventus in un’intervista al giornale francese Le Parisien:  “Mandzukic appartiene a quella categoria di attaccanti che mette il collettivo davanti alla ambizioni personali – esordisce Ravanelli. L’unica differenza è che ha segnato molto meno di me in carriera, io ero il miglior marcatore della squadra in quell’epoca. Questa Juve, però, è come la mia. Hanno qualità difensiva ed offensiva perché hanno grandi attaccanti che fanno tutte e due le fasi, hanno una mentalità comune sono sicuro che la Juve segnerà un gol stasera. Lippi e Allegri? Sono entrambi toscani, Lippi ha scritto la storia della Juve e Allegri lo sta facendo, tatticamente non è inferiore a nessuno. Chi ammiro della Juve? Direi Alex Sandro anche se Dani Alves mi ha impressionato. Ha dimostrato di essere un campione ed è uno che ha giocato tante partite che contano. Per il Monaco, però, non è finita, sono una grande squadra con un grandissimo allenatore, il futuro è loro.”

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008