Juventus, Matuidi: “Qui in bianconero una ventata di aria fresca”

Matuidi

Il giocatore della Juventus, Blaise Matuidi, ha parlato del suo momento in bianconero ai microfoni de Le Figaro. Queste le sue partite riportate da Tuttojuve.com: “Va tutto bene, ma da quando sono arrivato continuano a dirmi che non è questo il momento della stagione in cui fare i conti. Il Napoli sta disputando la stagione della vita. C’è suspense e si giocherà fino alla fine. “

Matuidi, ha commentato il suo passaggio alla Juventus dal PSG: “Quando sono arrivato, ho subito capito che questo club ha una lunga storia. Te ne rendi conto quando scopri il museo, i numerosi trofei o attraverso il centro di allenamento dove ti viene spesso ricordato – con foto, repliche, tutti i titoli vinti, i grandi nomi che hanno giocato qui – la responsabilità di indossare questa maglia. La Juve è un’istituzione che non è nata ieri e necessariamente quando sei un giocatore vuoi essere al livello e rispettare questa tradizione. Qui nulla è lasciato al caso. Il personale medico ha non so quanti specialisti per piedi, gambe, parti superiore del corpo; poi c’è lo staff tecnico dentro e fuori dal campo, non siamo mai lasciati soli. Questo è il segno distintivo; e se non perdi nulla, è perché lavori come un matto tutti i giorni. Ci sono momenti in cui siamo nei guai, ma come diciamo qui “fino alla fine”, lottiamo fino alla fine. È la nostra forza.

Se mi sento ancora più forte? Sto ancora progredendo. Onestamente, avevo bisogno di una boccata d’aria fresca la scorsa estate. Ho trascorso sei anni meravigliosi al PSG e avevo bisogno di un altro ambiente, una cultura diversa. Ho sentito l’impulso di mettermi in gioco. Lavoriamo molto qui, il pensiero e l’approccio nelle sessioni di formazione sono diversi. Sono ricettivo e questo paga. Sto vivendo una seconda giovinezza, qui ho progredito. Ho imparato il gusto del lavoro quotidiano. Arrivo molto presto al mattino e non vado a casa fino alle 16 e non ero abituato. È un cambiamento nel modo di lavorare ed è per questo che mi trovate ancora più giovane.

La Juventus ha sua storia e Matuidi ha recepito il messaggio: “Lo slogan del club è vincere. In alcune partite, come il doppio confronto contro il Tottenham, abbiamo dato l’impressione di soffrire, ma è in questa sofferenza che otteniamo il meglio dal gruppo. Fino alla fine, vogliamo avere l’ultima parola. Nello spogliatoio abbiamo campioni del mondo, ragazzi che hanno vinto campionati in tutta Europa. Abbiamo senatori come Buffon, Chiellini, Barzagli o Marchisio per nominarne alcuni. Anche il legame con i giovani è forte. Quando arrivi, devi dimostrare il tuo valore ed importi. Rimpianto per non aver provato prima esperienza all’estero? Per niente. Non devi mai pentirti della vita e siccome sono un credente, ti dirò che Dio ha fatto di tutto per farlo accadere in questa stagione. Posso vincere il mio primo Scudetto con la Juve e forse anche di più. Alla fine della mia carriera, potrei dire che non ho vinto solo in Francia. Sarà gratificante per me e i miei figli. Direi loro: “Papà è riuscito a giocare bene in Francia e in Italia. È anche per loro che abbiamo provato questa esperienza all’estero. Dico “noi” perché includo mia moglie in questa avventura. Tutto è stato pensato e pensato insieme. Le mie due figlie grandi parlano inglese e italiano meglio di me perché sono alla scuola internazionale, è più facile per loro. Sono dotati e mi insegnano la lingua. Non ho avuto questa possibilità e mi rende così orgoglioso di potergliela offrire. Mia moglie e i miei figli – ha ammesso – sono la cosa più importante della mia vita. Era essenziale che si sentissero bene a Torino.

Quale sarà il futuro del francese?: “Ci sono alcuni bellissimi esempi di longevità qui. Giocherò a calcio finché ne avrò la possibilità”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.