Anche Marcello Lippi, ex allenatore della Juventus e attuale ct della Cina, si è espresso sulla super sfida di stasera tra bianconeri e Real Madrid, valida per la finale di Champions League. Queste le sue parole raccolte da Calciomercato.com:

“A Berlino la Juve veniva da una ricostruzione della squadra, veva vinto il campionato e dopo era andata in finale. Sembrava quasi una cosa casuale, invece in questi due anni c’è stata una programmazione di crescita amplificata dalla assoluta consapevolezza della propria forza. E poi non deve essere sottovalutata la crescita di autostima che portano sei campionati vinti consecutivamente, un risultato eccezionale. Dopo la finale persa con il Barcellona, hanno capito che dovevano aumentare la prestanza tecnica della squadra e l’hanno fatta crescere con grandi campioni come Higuain e Dybala, con l’esperienza di Khedira. Mi pare di poter dire che questa volta la Juve arriva alla finale con le credenziali giuste per poterla vincere. Quest’anno c’è stata questa impresa incredibile: fare tre gol al Barça e non subirne neanche uno in due partite, una delle quali a Barcellona. Insomma mi pare che la Juventus sia arrivata ad un livello di convinzione, di forza, di autostima assolutamente giusto per poter vincere la Champions”. 

“Consigli per Allegri? Mi pare che Max abbia dimostrato ampiamente di non avere bisogno di consigli da nessuno, perché sta guidando la Juventus con una saggezza straordinaria. E’ vero che il Real Madrid ha delle qualità offensive eccezionali, come le aveva il Barcellona, però hanno solo quello. Non hanno capacità di difendere, concedono molto all’avversario. Aggiungo che le qualità che ha la Juventus nella fase difensiva non ce l’ha nessuna altra squadra al mondo. Però quest’anno i bianconeri sono forti anche in attacco. Il Real sicuramente creerà problemi alla Juventus con i suoi giocatori davanti così bravi, ma sono sicuro anche che la Juventus saprà creare molti grattacapi alla difesa del Real Madrid. Vedremo quale dei due reparti arretrati sarà più forte. Chi può deciderla? E’ facile dire Higuain, Cristiano Ronaldo, Toni Kroos, Dybala. Ma le grandi sfide sono spesso decise non dai primi attori, ma da altri che sono meno sotto i riflettori, però sono giocatori importanti. Penso a un’accelerazione di Khedira, a un inserimento improvviso che taglia fuori la difesa avversaria”. 

“Io sono molto legato a Buffon, lo sento molto spesso. Lo ritengo un fuoriclasse, non soltanto come calciatore. A 39 anni è sempre il migliore del mondo. Lo ritengo un fuoriclasse in tutto, nel giocare, nella comunicazione, sa sempre dire la cosa giusta nel momento giusto. Non sfugge mai a nessuna domanda, sa sempre dire la sua opinione su qualsiasi tema. E’ un ragazzo straordinario, un uomo straordinario. Spero proprio che la Juve vinca la Champions per tanti motivi, ma soprattutto perché potrebbe essere la volta buona che vince il pallone d’oro. Che si merita, per tutta la sua vita da campione”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008