Juventus, il capo ultras: “Con gli incassi ho comprato due case ed un panificio. I biglietti? Arrivavano gratis dalla società”

juventus

E’ stata programmata per lunedì 22 ottobre la puntata del programma televisivo Report, in onda su Rai3, dove si parlerà in maniera approfondita dei rapporti tra la Juventus e la tifoseria organizzata bianconera. 

Nella giornata di ieri sono arrivate delle anticipazioni riguardanti l’episodio con un video che vedeva protagonista Andrea Puntorno, capo ultras dei “Bravi Ragazzi”. Il leader della tifoseria juventina ha parlato degli incassi della società e di come questi hanno influenzato la loro vita, dicendo che è riuscito a comprare due case ed un panificio.

A seguire, lo stesso Puntorno ha parlato della storia dei “Bravi Ragazzi” e di come questi sono riusciti ad essere presenti in occasione di ogni partita interna, dicendo che i biglietti venivano dati proprio dal club piemontese. 

Ecco le dichiarazioni di Puntorno riportate in esteso: 

“Gli incassi? Dipende, 30-40-35mila euro. Il business c’è, non è che non c’è. Io mi sono comprato due case, un panificio, anche mia moglie stava bene, ma io non lo nego perché non è un reato che ho fatto. Il nome ‘Bravi Ragazzi’? Eravamo in tre, l’abbiamo preso dalla storia del film, ci è piaciuto e adesso ci sono 600-700 persone a cui forniamo i biglietti. Io personalmente non facevo bagarinaggio, ma c’erano persone che lavoravano per me. Da dove arrivano i biglietti? Lo sapete da dove arrivano, arrivano dalla Juventus, è sempre stato così”.




CONDIVIDI