Gonzalo Higuain continua a segnare con la maglia della Juventus. Le proprie prestazioni da attaccante puro sono anche merito degli insegnamenti del padre Jorge, calciatore ma di ruolo difensore: “Naturalmente mi ha insegnato tante cose che ai difensori non piacciono, in questo senso ho avuto un vantaggio fin dall’inizio della mia carriera. Il fatto che lui abbia giocato dietro è stato importante, perché mi ha mostrato cosa un’difensore non vuole che io faccia”.

Tali parole sono state rilasciate dal centravanti argentino nel corso di un’intervista al Guardian dove ha anche analizzato gli obiettivi personali e della Juventus: “Penso che sia bello vincere, ma è anche molto difficile raggiungere questi momenti. La Juventus ha giocato due finali di Champions League in tre anni e questo è veramente difficile”.

Successivamente: “Voglio tutto, qui alla Juventus giochiamo per vincere tutto, questa è la mentalità. Questo è quello che ti dicono proprio nel momento in cui entri qui. Lo scorso anno ci siamo andati vicini, in questa stagione ci riproveremo”.

Infine un pensiero sul calcio in generale: “Il calcio secondo me è uno sport in continua evoluzione, puoi segnare per sette partite di fila, ma se poi non fai gol per due gare sei in crisi. Per me la bellezza di questo sport è vincere, chiaramente se giochi bene e vinci è meglio. Ma giocare bene e non vincere non ti lascia niente. La mia filosofia per il calcio consiste nell’essere felice per quello che fai. Anche quando i tifosi dicono che sei il più forte del mondo devi continuare a lavorare come se loro ti dicessero che sei finito. Voglio lasciare il mio nome più in alto possibile nella storia di questo sport, per fare questo bisogna avere umiltà. Buffon ha 40 anni, ma ancora adesso è convinto di poter migliorare. Io sono giovane e spero e spero di avere ancora tanti anni di calcio davanti a me”.

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.