È ormai noto da tempo il fatto che raggiungere le fasi finali della Champions League porta nelle casse delle società in grado di arrivare a questi risultati un profitto niente male, che il presidente e i vari dirigenti possono utilizzare come vogliono, per esempio per finanziare il progetto ed acquistare nuovi calciatori. La Juventus, arrivando ai quarti di finale della medesima competizione, è già riuscita a guadagnare somme di denaro importanti, che potrebbero aumentare ancora di più in caso di raggiungimento delle semifinali, cosa resa fattibile dal 3-0 ottenuto contro il Barcellona allo Juventus Stadium.

Quanto entrerebbe nelle casse dei bianconeri in caso di qualificazione in semifinale? Esattamente 7,5 milioni di euro, cifra stanziata dalla Uefa per le squadre che si qualificano alla semifinale. Nel complesso, però, la Champions ha portato molto più capitale in casa juventina, che ammonta a circa 96 milioni di euro dalla fase a gironi ai quarti. La cifra faraonica va divisa tra i 12,7 mln per la fase a gironi, i 7 mln di “performance bonus” relativi alla prima fase, i 6 mln per il passaggio agli ottavi, i 6,5 mln per il passaggio ai quarti e i soldi provenienti dal market pool stabilito dalla Uefa, consistente in un budget che per l’Italia vale 110 mln e che ha visto la Juventus guadagnare 27,5 milioni di euro per il primo posto nella Serie A 2015/2016. Va poi aggiunta un’ulteriore somma (divisa fra tutte le italiane partecipanti, quindi solo la Vecchia Signora ed il Napoli), frutto dalla quantità di partite giocate rispetto alle diciotto possibili (12 su 18 per la Juve), ossia almeno altri 36,5 milioni di euro. Eventualmente potremmo anche aggiungere gli ulteriori 7,5 milioni per il raggiungimento della finale e i 15,5 milioni per la vittoria della competizione.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008