Juventus, Bernardeschi: “Nell’ultimo anno ho fatto quel passo in più anche mentalmente, sono contento di non avere un ruolo fisso”

Arrivato alla Juventus nell’estate 2017, dopo una prima stagione di ambientamento, in cui ha accusato diversi problemi fisici, Federico Bernardeschi

Il trequartista carrarese ha parlato del suo percorso di crescita ai microfoni di Sky Sport:

“Negli ultimi mesi, soprattutto nell’ultimo anno, c’è stato un qualcosa di veramente che mi ha fa fatto fare quel passo in più, anche a livello di testa. Ho sempre lavorato molto sulla mia testa, sulla mia mentalità, e questo credo che abbia portato dei frutti e li sta portando. Non ho ruolo fisso? Devo dire che sono contento di questo, anche se nel calcio moderno sono convinto che un calciatore debba saper coprire più ruoli. Il calcio è cambiato, c’è più atletismo e dinamicità. Ciò è determinante all’interno di una squadra, poiché dai delle soluzioni in più all’allenatore e ai tuoi compagni. Perciò, mi fa piacere rendermi utile. Ho sempre detto che a me piace giocare. Esprimere la propria passione e divertirsi, credo che siano i valori più importanti di questo sport. Quando giochi devi saperti divertire e io mi diverto molto. Perciò, non è importante dove, ma giocare”.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.