Alla vigilia del primo derby d’Italia stagionale, seppur amichevole, in casa Juventus ha parlato Federico Bernardeschi ai taccuini di Tuttosport. Diversi i temi trattati dal calciatore bianconero, che si è detto molto entusiasta dei primi giorni di lavoro con Sarri:

“Nella Juve oggi c’è un atteggiamento differente: non vuol dire che fosse sbagliato quanto facevamo con Allegri, però ci stiamo trovando molto bene. Noto una filosofia e una identità di gioco importanti. Ronaldo? Con un gioco più strutturato farà più gol”.

Sul proprio ruolo: “Il mister mi ha detto due o tre cose molto importanti che però spiegherà lui a tempo debito. Per adesso mi sta provando esterno destro. Per ora gioco lì. Magari in un futuro, se vorrà cambiarmi ruolo, magari lo dirà lui“.

Sul modulo: “Abbiamo sempre provato il 4-3-3. Anche se credo che sia un momento di transizione da un vecchio allenatore a un nuovo allenatore e, soprattutto, è un momento in cui ci sono tanti giocatori ed è normale che il mister provi, faccia le sue cose. secondo me una identità vera e propria ce l’avremo tra un mesetto”.

Sulla necessità di specializzarsi: “Secondo me un calciatore moderno ad alti livelli deve anche adattarsi a un gioco e deve saper fare un po’ tutto. L’anno scorso ho fatto… non lo so quanti ruoli, ma ne ho fatti tanti, e devo dre che è bello e stimolante ma quando vuoi magari dare una continuità di un certo tipo, allora è fondamentale specializzarsi. Nel corso di questa stagione vedremo in cosa mi specializzerò io”.