Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha parlato in conferenza stampa in vista del derby di domani sera contro il Torino. Ecco quanto raccolto da Calciomercato.com:

CICLO DI FUOCO“Atalanta, Monaco e Torino sono squadre che hanno un gioco e dei giocatori abbastanza simili. In verticale, con velocità e buona tecnica davanti”.

MIHAJLOVIC“Il Toro sta facendo bene, lui è un bravo allenatore”.

BELOTTI“Giovane che è cresciuto molto, ha qualità straordinarie e lo dimostrano i numeri. Non so se valga 100 milioni, non sono bravo con questi giudizi. Li spenderei? Il problema è che non potrebbe mai giocare con Higuain, nemmeno con la colla. Sarà il centravanti della Nazionale per tanti anni. Con Dybala è uno dei migliori giovani del campionato italiano, che spesso viene denigrato ma la verità è che poi dagli altri campionati si viene a pescare da noi”.

DERBY“Per noi importante, che può valere lo Scudetto. Sarà partita difficile, il Toro è in buona condizione e servirà una prova aggressiva, dovremo per forza venire fuori con un risultato positivo. Il Torino farà partita maschia? Noi saremo pronti, la Juve è in testa non per gli scontri diretti ma per i punti fatti con le squadre dalla zona Uefa in giù. Il derby è sempre un evento sportivo importante, la città di Torino deve andarne fiera, ma i tifosi devono renderlo tale di conseguenza. Superga? Certe tragedie non hanno bisogno di colore e bandiera, serve solo tanto rispetto”.

FORMAZIONE “Non ho deciso, manca ancora un allenamento. Vedrò come stanno i ragazzi, potranno esserci dei cambiamenti come ci sono stati. E pure se qualche cambio ci dovesse essere, non pregiudicherà la gara”.

BUFFON – “Domani gioca Neto”.

TOTTI“Il ritiro della maglia? Non si può giudicare, non ha nemmeno parlato il diretto interessato. Comunque sia, è stato giocatore unico e ha avuto una carriera straordinaria”.

TRIPLETE “Per vincerlo bisognerebbe vincere il derby e poi aspettare la Roma. Poi dovremmo ancora ottenere la finale di Champions, e ancora vincere la Coppa Italia. Pensiamo un passo alla volta. Dobbiamo vivere questi momenti con entusiasmo, perché non capitano tutti gli anni”.

MONACO“Possiamo fare meglio sotto il punto di vista del gioco”.

MARCHISIO “Difficilmente giocherà il derby, valuterà oggi pomeriggio. A Montecarlo ha fatto una partita di grande livello, sono contento. Nelle ultime settimane è cresciuto molto, dal punto di vista fisico e mentale. Non è ancora quello di prima, ma c’è vicino. Notizia importante per lui, per la Juve e per la Nazionale”.

MOMENTO MAGICO – “Ora il pensare può mandarti fuori giri. La certezza per ora è una, la finale di Coppa Italia. Per il resto non c’è certezza, questa arriverà con l’aritmetica che ci dà lo Scudetto e magari se martedì riusciremo a conquistare la finale di Champions. Quando si pensa troppo viene fuori sempre un casotto”.

FUTURO“Un contratto ce l’ho, alla Juventus sto bene. Con la società non ci siamo incontrati, quando lo riterrà opportuno mi chiamerà e ne parleremo. Non ci sono problemi. Io un anno fermo non ci sto. Quando decido di fermarmi smetto, se poi non mi vuole nessuno devo stare fermo per forza. Non ho mai detto che se vinco tutto me ne vado. Quando le cose vanno bene non capisco perché ci si debba separare”.

FESTE “Quando c’è da lavorare si lavora, quando c’è da riposare ci si riposa. E se ci dovesse essere qualcosa da festeggiare, sarebbe giusto festeggiarlo”.

BONUCCI“Domani gioca”.

CRISTIANO RONALDO – “Lui e Gigi sono due esempi, ma Cristiano Ronaldo ha otto anni in meno. Ilsegreto sta nella professionalità che hanno. Serve la testa, serve grande spirito di sacrificio. Questo tanti giovani non ce l’hanno o non lo capiscono”.

TOP MANAGER “Non mi faccio prendere da complimenti e opinioni, ogni giorno posso cambiare. Serve equilibrio, nessun risultato può spostare quello che può pensare un allenatore”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008