In vista della finale di Coppa Italia in programma domani alle 21 tra Juventus e Lazio, ha parlato in conferenza stampa l’allenatore della Juve Massimiliano Allegri. Queste le sue parole riportate da tuttojuve.com:

Le sensazioni su Mandzukic? La sua presenza o meno può condizionare l’aspetto tattico?

Allegri: “Devo valutare sia lui che Dybala, anche se l’altro giorno Paulo è rientrato e ha fatto una buona mezz’ora. Da dopo stasera deciderò la formazione da mettere in campo. Però gli altri stanno tutti bene, quindi sicuramente undici che faranno la prestazione giusta ci saranno”.

Ripensando a domenica, c’è qualcosa che non ti è andato, che non rifaresti?


Allegri: “Rifarei assolutamente tutto perchè era giusto che facessi quelle scelte, anche perchè fino a questo momento le scelte hanno sempre premiato, perchè non credevo, ma negli ultimi tre mesi, ho cambiato sempre da un minimo di 5 a un massimo di 8 giocatori. Domenica la differenza l’hanno fatta i dettagli: il gol preso su calcio d’angolo, nel secondo gol preso, dove sulla punizione ci siamo girati tutti di spalle e loro sono ripartiti; nel terzo gol uguale. Vincere o perdere le partite sta in queste piccole situazioni. Quando hai meno attenzione può succedere di tutto, devi avere la fortuna che l’altra squadra sbaglia  a tirare e che magari quando tiri tu la palla ti va dentro; ma di solito quando hai questo atteggiamento, hai un pochino meno attenzione, la palla degli altri va dentro e la palla tua va fuori”.

Ma Dybala cos’ha? E’ soltanto per il periodo in cui ha avuto…

Allegri: “Il periodo del flessore, quando è uscito dopo il Monaco che era un po’ affaticato e per quello l’ho risparmiato l’ultimo pezzetto quando è uscito col Torino, con il Monaco l’ho risparmiato 30-40 minuti, domenica non l’ho fatto giocare, quindi devo solo valutare queste cose, devo essere sicuro che non succeda niente”.

E’ più propenso a utilizzare la difesa vista col Monaco o a tornare a quattro?

Allegri: “Con il Monaco, abbiamo giocato a quattro. La differenza è che invece di esserci Dani Alves terzino, c’era Barzagli. Non cambiava assolutamente niente. Devo decidere se Barzagli ci sarà o meno. Può darsi che si giochi con Barzagli, può darsi che Barzagli giochi e si giochi con Dani Alves, questo devo valutarlo e devo decidere dopo l’allenamento di stasera. Su questo ho dubbi. Devo vedere se Mandzukic sta bene e ce la fa, se Dybala non rischio niente su Dybala, quindi ho ancora un po’ di cose da vedere. Sicuramente domani la Juventus farà una partita molto attenta, questo è poco ma sicuro, chiunque scenda in campo”.

Marchisio ha recuperato ed è pronto per giocare dall’inizio? Ti sei dato una spiegazione sul calo di domenica? Può essere condizionante il fatto che ci sia questo obiettivo del triplete?

Allegri: “L’ho detto prima, nell’arco della stagione ci sono dei momenti dove c’è un calo di attenzione, poi purtroppo è capitato domenica con la Roma, ma io se non sbaglio, all’inizio, e vedendo il calendario, avrei messo la firma per arrivare a Roma con 4 punti di vantaggio. Ci siamo arrivati con 7 e quindi vuol dire che siamo andati oltre le più rosee previsioni. Perchè dopo alla fine bisogna guardare il calendario: le ultime sei partite per noi sono state micidiali e saranno micidiali. Infatti il Crotone lo troviamo in lotta per la salvezza e nessuno se l’aspettava, l’Atalanta è arrivata in Europa e nessuno se l’aspettava, in più c’erano Napoli, Torino  e Roma. Quindi un calendario difficilissimo rispetto all’anno prima. E quando è uscito il calendario ero molto preoccupato di questo. Quindi bisogna essere bravi ad arrivare in fondo. Però abbiamo domani e dobbiamo pensare a domani. Poi da giovedì penseremo al Crotone”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008