Juventus, Allegri: “Col Bologna daremo il massimo. Kean e Spinazzola possibili titolari”

Debutto stagionale in Coppa Italia domani per la Juventus di Massimiliano Allegri, che domani andrà in scena al “Dall’Ara” di Bologna per affrontare la squadra emiliana allenata da Pippo Inzaghi, match valido per gli ottavi di finale della coppa.

Intervenuto nella consueta conferenza stampa della vigilia, il tecnico livornese ha presentato così l’impegno di domani: “Affronteremo la gara nel migliore dei modi domani, sapendo che è una partita secca. E ci prepareremo al meglio per la sfida di mercoledì contro il Milan. La Coppa Italia è un obiettivo, come la Supercoppa. La prima partita dell’anno è la più difficile, come la prima dopo la sosta estiva”.

Sugli obiettivi futuri: “Da domani e speriamo al 1 giugno ci giochiamo la stagione. Quindi dovremo giocare una partita seria. Ci deve aiutare a preparare al meglio la sfida di mercoledì. Fino a ora abbiamo fatto bene, ottenendo delle belle vittorie, ma non abbiamo fatto ancora niente. Ora dobbiamo continuare per raccogliere i frutti da qua a giugno”.

Sul momento di Dybala:Mi aspetto che domani Paulo faccia una partita bella come negli ultimi periodi. E’ sempre andato vicino al gol, per noi è un giocatore molto importante nel cucire il gioco, soprattutto per caratteristiche. Cristiano e Mandzukic lavorano più nella profondità e nella fase realizzativa che nella costruzione”.

Indizi di formazione: Domani Kean e Spinazzola potrebbero giocare dall’inizio. Qualcuno giocherà un tempo, i cambi saranno importanti, sperando di chiuderla in 90 minuti. A destra giocherà De Sciglio, a sinistra Alex Sandro o Spinazzola. In porta ci sarà Szczesny, in previsione della gara di Supercoppa. Poi, se tutto andrà bene, rientrerà Perin in Coppa Italia”.

Sugli episodi di violenza e di razzismo: Abbiamo gli strumenti per poter andare a prendere chi si comporta male. Ma si ha paura a prendere decisioni impopolari. Quali sono le novità? Nessuna. Hanno detto delle cose per riempirsi la bocca. Ci sono degli strumenti negli stadi per prendere chi non rispetta le regole.

Se non sbaglio, chi tirò la banana a Sterling ora non può entrare più negli stadi. Mettiamo che c’è un rigore e iniziano i buu razzisti. Cosa facciamo? In Italia invece di starci zitti e prendere decisioni, ognuno si riempie la bocca quando invece farebbe meglio a non parlare”.

Sulla Supercoppa Italiana: “Dobbiamo andare a giocare in Arabia Saudita, è stato fatto un contratto. E comunque guardiamo anche ai piccoli passi avanti che vengono fatti. Poi credo che l’Italia abbia degli accordi con l’Arabia Saudita. Ci hanno detto di andare a giocare lì, quindi lo faremo”.

Sul caso Mayorga-Ronaldo: Cristiano è sereno, riposato, si è allenato molto bene, adesso ci si prepara al meglio per la seconda parte. Ha giocato meno partite in Nazionale e qualcuna in più della stagione precedente in campionato. Domani gioca, vedremo quando e come”.

Sul mercato: “Ho cinque centrocampisti talmente bravi che non ho bisogno di nessuno. Sto bene così. Ramsey? Le partite inglesi le guardo sempre volentieri. Ora però bisogna pensare solo al Bologna, le partite di inizio anno sono sempre difficili. Bisogna stare attenti altrimenti potremmo già perdere un obiettivo”.

Chiusura diretta e semplice sulle condizioni di Mandzukic: “Come sta? Come direbbe lui… no good”. A riportare è Tuttomercatoweb.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese.