Nicolas Higuain, fratello e procuratore dell’attaccante della Juventus Gonzalo Higuain, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Tuttosport con cui ha affrontato numerosi temi. Di seguito le sue parole.

La salute della mamma ha tenuto in ansia Gonzalo. Nostra madre non è stata bene ma ora ha superato la malattia. Ha ripreso a segnare e non si fermerà più“.

Sulla Juventus – “La prima immagine che mi viene in mente è quella di Gonzalo che firma il contratto, mi prende in braccio e mi butta in aria facendomi i complimenti. Era stracontento. In cosa lo ha cambiato la Juve? I gol li faceva anche prima, ma la Juve ti aiuta a crescere: il club ha una organizzazione pazzesca“.

Sullo scudetto – “Temiamo la beffa? Nessuna paura, è solo un gioco. Ma se vince la Juve è meglio. Il campionato è ancora lungo e i bianconeri continuando così possono arrivare allo scudetto. Comunque Gonzalo al primo anno a Torino dopo Napoli ha vinto campionato, Coppa Italia ed è arrivato in finale di Champions. Poteva chiedere di meglio?“.

Su De Laurentiis – “Al momento, no comment“.

Sul gol più bello – “Gol più bello? Il secondo gol in Boca-River e quello in Nazionale, contro il Belgio, che ha regalato all’Argentina una semifinale mondiale dopo 24 anni. Come faccio a non mettere quelli con la Juve contro Roma, Napoli in Coppa Italia e quest’anno contro il Milan: la prima rete di San Siro è un colpo difficilissimo“.

Sul futuro di Higuain – “Ha ancora tre anni e mezzo con la Juventus, può darsi pure che chiuda la sua carriera europea a Torino“.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.