#JuveCagliari, Marotta: “Pirlo come Bonucci? 42 milioni di differenza…”

Beppe Marotta

Nel pre-partita di Juventus-Cagliari è intervenuto ai microfoni di Premium Sport Beppe Marotta. Queste le sue dichiarazioni: “Le parole di Allegri su un altro rinforzo necessario a centrocampo? Frase di circostanza, non c’era ancora l’ufficialità a sancire il passaggio di Matuidi alla Juve. Purtroppo il mercato è ancora aperto, dobbiamo convivere con questa situazione. Abbiamo un gruppo che soddisfa in pieno le necessità della società e dell’allenatore, ma dobbiamo tenere aperti gli occhi per quelle che saranno le opportunità. Probabilmente c’è qualcosa da puntellare, ma già oggi abbiamo in panchina una seconda squadra di assoluto livello. Esigenze non ne abbiamo, ma se ci sono dei giovani interessanti che possono fare al caso nostro o campioni che decidono di abbandonare la loro squadra, noi dobbiamo farci trovare preparati.

“Perché Bonucci al Milan? Un giocatore decide il proprio destino, quando non vuole più restare nella squadra a cui appartiene e spinge per andare in un’altra squadra, non vedo come si possa trattenerlo. Lui come Pirlo? Andrea è arrivato a parametro zero, per Bonucci abbiamo incassato 42 milioni. Cercava stimoli in un club diverso dal nostro, la sua decisione va rispettata, ci è stata comunicata e abbiamo concordato tutto. Sono situazioni che hanno portato a questa decisione, né stravolgente né straordinaria, sono fatti del calcio”.

Mercato troppo lungo? Faremo, insieme ad altre squadre europee, richiesta alla Fifa per chiudere il mercato, almeno delle cinque leghe più importanti, prima dell’inizio ufficiale della stagione. Visto che il calcio è cambiato nelle sue dinamiche, è giusto che le società prendano provvedimenti e accorcino i tempi del calciomercato. Favoriti per lo scudetto? La volontà di vincere c’è in tutte le componenti del club, dalla società allo staff tecnico. Ma è giusto che Allegri, per motivare i giocatori, parli come ha fatto”.

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008