Juve Stabia, aspettando la supercoppa: LE PAGELLE

La Juve Stabia è ormai aritmeticamente in serie B. La società lavora sul mercato per inserire dei giocatori che possano essere utili alla causa gialloblu l’anno prossimo.

Le vespe sembrano ad un passo da Lorenzo Borri, che già ha detto addio al Pontedera, suo club, tramite social.

Nel frattempo, però, Fabio Caserta è impegnato con la sua squadra in campo: la Juve Stabia, infatti, dovrà affrontare due partite, con l’Entella e il Pordenone, per la Supercoppa.

Aspettando la coppa, è tempo di fare bilanci. Ecco “il pagellone” di Novantesimo.com al termine della “regular season”.

LE PAGELLE

Porta

BRANDUANI 8,5: Il portiere meno battuto in Italia. Il classe 89 ha dimostrato, quando chiamato in causa, di meritare altri palcoscenici. E ora ha l’opportunità di dimostrare tutto il suo valore. Vola, Paolo!

VENDITTI 6: Ha poche volte indossato la maglia da titolare, ma quando chiamato in causa(vedi in coppa Italia con la Casertana) non ha sfigurato.

COTTICELLI Sv

ESPOSITO: Il classe 2001 ha il tempo dalla sua parte: nell’ultima partita in campionato, con la Virtus Francavilla, ha debuttato per la prima volta tra i pali. Ad Maiora, Matteo!

Difesa

ALLIEVI 7,5: Jolly. Caserta l’ha sfruttato in questa stagione sia come difensore centrale che come terzino. Peccato per il brutto infortunio che ha compresso il suo percorso. Il voto sarebbe probabilmente aumentato esponenzialmente. Il difensore continua il suo recupero. La serie B lo attende.

TROEST 9: Il muro scandinavo. Il difensore gialloblu ha giocato una stagione sontuosa quest’anno. Se la Juve Stabia è una delle squadre meno battute al mondo, il merito è anche il suo.

MARZORATI 8: Il valore del difensore è indiscusso, così come quello dell’uomo. L’ex Milan è stato un ottimo compagno di reparto, d’esperienza e solidità. Ha avuto i suoi momenti difficili durante la stagione, ma ha dimostrato di saperli gestire da grande.

VITIELLO 8,5: Se giochi in serie A per molti anni, non può essere un caso. Esperienza, qualità, visione di gioco. Semplicemente di un’altra categoria, Roberto.

DUMANCIC 6: Il classe 1998 ha messo a disposizione di Fabio Caserta tutto il suo impegno. Quando è stato chiamato, non ha mai sfigurato. E’ giovane, può dare di più.

SCHIAVI 6,5: Per un classe 2000 affrontare questa categoria non è semplice. L’ex Napoli però non ha mai tirato indietro la gamba.

FERRAZZO 6: E’ uno dei giocatori che meno si è visto in questa stagione. Ma mai una parola fuori posto, mai una polemica. Le vittorie passano anche da uomini così.

Centrocampo

CALO’ 8,5: Testa fredda, piede caldo. La stagione del centrocampista gialloblu potrebbe essere sintetizzata così. La crescita dell’ex Sampdoria è stata esponenziale in questi mesi e la sensazione e che non sia finita qui.

MASTALLI 7,5: “Un capitano, c’è solo un capitano”. La curva celebra Alessandro Mastalli, che a 23 anni ha raggiunto un traguardo straordinario. Dopo le lacrime, il sorriso più bello. L’anno prossimo l’obiettivo è quello di alzare l’asticella. Mai fermarsi.

MEZAVILLA 3000: Scusate lo spoiler di Endgame, ma è impossibile dare una valutazione ad Adriano. Uomo del destino.

LIONETTI 6: Caserta l’ha messo in campo nell’ultima partita di campionato, dove male non ha fatto. Un premio per Giorgio.

VICENTE 7: Quando c’è stato da togliere le cosiddette “castagne dal fuoco”, Bruno è sempre stato chiamato in caso. Uomo di indiscussa affidabilità.

VIOLA 6,5: Questa stagione ha giocato poco a causa di alcuni infortuni che l’hanno penalizzato. Ma la fiducia di Fabio Caserta verso questo giocato è sconfinata. “Mi ricorda come ero da giocatore”, ha dichiarato il tecnico in una conferenza stampa.

STALLONE 6: Kevin ha giocato una prima parte di stagione a Castellammare, poi si è trasferito in prestito al Sorrento, in serie D. Il classe 2000 ha subito convinto Caserta, tanto da conquistarsi una maglia da titolare. Poi l’esperienza in costiera, dove ha subito conquistato la fiducia del pubblico sorrentino.

CARLINI 9: Non servono troppe parole per descrivere la stagione dell’ex Frosinone. “Un giocatore si vede dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia”, canta De Gregori. Max incarna al meglio la definizione di calciatore data dal Maestro.

CASTELLANO 6,5: Caserta l’ha sempre tenuto in considerazioni, in particolare nel mese di Marzo.

Attacco

El OUAZNI 7: Polito aveva scommesso su di lui ad inizio stagione e possiamo dire che l’ex portiere del Catania non ha sbagliato. I suoi goal li ha fatti e ha dimostrato di meritare il calcio professionistico.

DI ROBERTO 6: Le qualità del calciatore sono fuori discussione. Peccato per i molti infortuni che hanno compromesso la sua stagione.

PAPONI 8,5: Quando manca, lo si sente. Il calciatore è arrivato in doppia cifra quest’anno, ma il suo lavoro non si limita alle reti. Indispensabile.

ELIA 8,5: Dopo un primo periodo di adattamento, si è rivelato devastante, sia a partita in corso che dall’inizio. Nell’ultimo mese ha trascinato le vespe alla vittoria. In prestito dall’Atalanta, i tifosi delle vespe sperano di poter vedere il giocatore anche in serie B.

CANOTTO 8,5: L’infortunio di inizio stagione non è riuscito a fermare Luigi Canotto, che ha continuato a correre e lottare fino alla fine. Suo il goal decisivo contro il Trapani che ha virtualmente regalato la B ai suoi.

TORROMINO 6: E’ stato il super colpo di gennaio. L’ex Lecce però ha trovato molte difficoltà ad adattarsi. L’anno prossimo sarà decisamente l’arma in più.

SINANI 6: Il classe 1999 alla sua prima esperienza da professionista si è portato a casa un trofeo. Non male.

SEGUI 90ESIMO SU FACEBOOK E SU INSTAGRAM

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008