Juve, c’è sempre più “Sarrismo” all’orizzonte. I bianconeri sono gli unici imbattuti in Europa

Maurizio Sarri
Maurizio Sarri, allenatore della Juventus

Il match di Champions League vinto dalla Juventus contro la Lokomotiv Mosca ha certificato non solo l’ormai quasi matematico acceso agli Ottavi di Finale, ma anche uno dei principali passaggi che sta affrontando questa squadra per arrivare al gioco di Maurizio Sarri, al cosiddetto “Sarrismo”. Il club bianconero, come testimoniano dati Opta, ha ottenuto il record di possesso palla in un match di Champions League, raggiungendo addirittura il 77,8 %. Pensando a pochi mesi fa, alla pur sempre squadra vincente diretta da Massimiliano Allegri, in pochi avrebbero creduta in questa clamorosa trasformazione.

Trasformare una squadra che basava tutte le vittorie degli ultimi anni sulla difesa, sull’atteggiamento difensivo e con una costante fase di copertura (che in parte aveva stufato i tifosi bianconeri) era considerata un’impresa tutt’altro che facile per l’ex tecnico di Chelsea e Napoli. L’infortunio ad inizio stagione di un pilastro come Giorgio Chiellini aveva addirittura peggiorato la situazione e la Juve sembrava avere, ad inizio stagione, le prime crepe.

Siamo invece a fine Ottobre ed il club bianconero è sempre più “vittima del Sarrismo”. Il tecnico toscano ha dato le chiavi del centrocampo a Miralem Pjanic, geometra che tocca sempre più palloni e risulta protagonista come l’ex adepto del tecnico Jorginho.

Il tecnico è riuscito a trasmettere le sue idee di gioco senza perdere di vista i risultati: la Juventus a tratti è risultata devastante, basti pensare ai primi 60 minuti contro il Napoli o contro l’Atletico Madrid (in trasferta) ed in altri casi è apparsa vittima delle insicurezze difensive che hanno piegato il reparto ed in particolare il neo acquisto Matthijs De Ligt. Possesso palla, tiki taka snervante per gli avversari, stanno caratterizzando il gioco bianconero. Un altro esempio è la rete della vittoria di Gonzalo Higuain contro l’Inter arrivata dopo ben 24 tocchi. Tutto ciò era quello che era stato chiesto al tecnico all’inizio, una squadra che vince e diverte ed i tifosi bianconeri stanno iniziando ad apprezzare il “Maestro” di Figline.

Per trovare i meccanismi di una squadra perfetta la Juventus deve migliorare la fase difensiva, situazione che potrà verificarsi con il ritorno di Danilo e De Sciglio e con la comprensione totale dei meccanismi di De Ligt e Demiral. Nonostante questi piccoli problemi c’è da ricordare inoltre che la Juve è l’unico top club nei principali 5 campionati europei a non aver perso, sia in campionato che in Champions League.

Il calendario inoltre è dalla parte del tecnico che nelle prossime 4 sfide ha la possibilità di allungare su Inter, Napoli e Atalanta. Dopo la sosta poi torneranno in tanti e ci sarà l’occasione di vedere nuovi giocatori nel sistema Sarriano. Ah, non bisogna dimenticare uno dei peggior difetti del tecnico: spesso Sarri veniva criticato per il mancato utilizzo del turnover, cosa radicalmente cambiata. Eccetto per la difesa (quasi sempre obbligata), il tecnico ha varato diverse formazioni a centrocampo ed in attacco, una situazione molto apprezzata sia dai giocatori che dai tifosi.

I tifosi bianconeri faranno i dovuti scongiuri, ma quest’anno il club sembra davvero avere tutte le “carte in regola” per vincere tutto, l’obiettivo ormai dichiarato di tutto l’ambiente Juve.

CONDIVIDI
Salve a tutti, mi chiamo Mario e sono un grande appassionato di calcio. Inoltre mi interesso anche ad altri sport come tennis, basket e nuoto. Per il futuro il mio sogno è diventare un grande giornalista sportivo. Non dico la squadra del mio cuore, sta a voi indovinarla... :=)

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008