All’Allianz Stadium di Torino va in scena l’amichevole tra le due grandi escluse del Mondiale russo, Italia e Olanda. Gli azzurri di mister Mancini, alla terza panchina da ct, cercano la seconda vittoria dopo la sconfitta subita dalla Francia tre giorni fa.

Tra le fila italiane, nel 4-3-3 schierato dall’ex tecnico dell’Inter, è Lorenzo Insigne ad indossare la fascia di capitano, prima volta per un giocatore del Napoli: assieme a lui, nel tridente d’attacco, Belotti e Verdi, prossimo a vestire proprio la maglia partenopea. In porta stavolta troviamo Perin, assistito dalla difesa a quattro composta da Criscito, Romagnoli, Rugani e Zappacosta.

Dall’altro lato del campo l’Olanda di Koeman si schiera con il 5-3-2, dove Depay e Babel agiranno da perni offensivi. In fase d’attacco, inoltre, i due terzini Vilhena e Hateboer (già abituato da Gasperini), si sposteranno sulla linea del centrocampo a supportare Vormer, De Roon e Wijnaldum.

ANALISI DELLA PARTITA

Pronti, via e l’Italia mette subito la palla oltre la linea: Belotti, trovato perfettamente da Bonaventura, batte Cillessen, ma prima del tocco del granata c’è una deviazione di Cristante che mette la punta italiana in fuorigioco. Nelle prime fasi di gioco l’Italia cerca la palla lunga per il gallo, che va più di una volta vicino a silurare l’estremo difensore del Barcelona. Il più ispirato della serata sembra Insigne, che prima impensierisce la difesa orange con un destro deviato da Blind, poi, pescato coi giri giusti da Jorginho in spaccata quasi sorprende il portiere avversario. Al 32′ occasione colossale sui piedi di Belotti: Insigne pennella perfettamente per la punta granata, che a tu per tu con Cillessen lo centra in pieno. Un minuto dopo ancora azione partenopea tra Jorginho e Insigne, con quest’ultimo che trova in area Verdi, la cui conclusione va alta. Al 34′ il centrocampista italobrasiliano cerca ancora l’ex Milan, che tutto solo davanti a Cillessen si fa ipnotizzare. Dal successivo angolo è Vormer a salvare sulla linea su uno stacco di testa di Criscito: si va negli spogliatoi col punteggio di 0-0.

Nei primi minuti della ripresa il cambio forzato di Hateboer per Janmaat sembra dare i suoi frutti: il terzino olandese prima spaventa Perin con un cross che, dopo una deviazione, supera la testa del portiere vicino alla Juve, prima di adagiarsi, però, sopra la traversa; poi va al cross per Depay, che non riesce a sorprendere l’ultimo difensore azzurro. Allo scoccare del sessantesimo Vormer crossa al centro per Vilhena, la cui mezzarovesciata si spegne di pochissimo oltre la porta italiana. Al 63′ Mancini sostituisce Belotti per Zaza, che ci mette 4 minuti per timbrare il cartellino: Chiesa scappa sulla destra, crossa per l’ex Juve che grazie ad un rimpallo con Van Dijk riesce a insaccare la porta olandese. Ad un giro di orologio dal settantesimo, Criscito stende Babel diretto in porta e in posizione regolare: espulsione inevitabile per l’ormai ex capitano dello Zenit. Poco dopo è Vilhena a spaventare Perin, con una conclusione dal limite che trova solo l’esterno della porta. Il portiere genoano risponde presente su un sinistro insidioso di Berghius, ma non può nulla all’88’ sul colpo di testa di Akè servito ancora da Berghius con un cross a rientrare dalla fascia destra. Dopo l’ultima azione a favore degli orange, in cui la conclusione di Depay viene disinnescata da Perin, Bezborodov fischia tre volte: pareggio giusto tra Italia e Olanda che chiude il filotto di amichevoli internazionali.

Italia (4-3-3): Perin 6.5; Zappacosta 5.5 (58′ De Sciglio 5), Rugani 5.5, Romagnoli 6, Criscito 5; Jorginho 6.5(78′ Baselli 6), Cristante 6, Bonaventura 6 (87′ Pellegrini sv); Insigne 6.5 (70′ Bonucci 6), Belotti 5 (63′ Zaza 6.5), Verdi 5.5 (61′ Chiesa 6.5). All. Mancini

Olanda (5-3-2): Cillessen 6; Hateboer 6 (45′ Janmaat), De Ligt 5.5 (71′ Akè 6), Van Dijk 4.5, Blind 5.5(78′ Weghorst 5), Vilhena 5.5; De Roon 5.5(78′ Promes 5.5), Vormer 6 (71′ Berghius 6.5), Wijnaldum 6; Babel 5.5 (82′ Elia sv), Depay 6. All. Koeman

Arbitro: Bezborodov (RUS)

Marcatori: 67′ Zaza (ITA), 88′ Akè (OLA)

Ammoniti: 28′ de Roon (OLA), 43′ Vormer (OLA), 75′ Chiesa (ITA), 89′ Zaza (ITA), 92′ Janmaat (OLA).

Espulsi: 69′ Criscito (ITA).

TOP 90ESIMO – Insigne 6.5: gli spunti offensivi della Nazionale arrivano quasi sempre dai piedi del numero dieci ed eccezionalmente capitano azzurro.

FLOP 90ESIMO – Van Dijk 4.5: partita da dimenticare del difensore del Liverpool, forse ancora con la testa a Kiev.

 

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008