La gara tra Italia e Macedonia, valida per il penultimo turno del girone G delle qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018, è terminata sul risultato di 1-1: decisive le reti di Chiellini al 40′ e di Trajkovski al 77′.

L’Italia comincia subito la gara cercando di monopolizzare il controllo del gioco e riesce ad insidiare per la prima volta la porta di Dimitrievski dopo appena sette minuti: Immobile ed Insigne dialogano nello stretto con un doppio triangolo che libera l’esterno del Napoli, il quale però calcia addosso all’estremo difensore avversario. La Macedonia, coraggiosa e ben disposta in campo, risponde al 17′ con un’azione personale di Pandev, che salta in palleggio Bonucci e calcia, facendo terminare la palla tra le braccia sicure di Buffon. Dopo il rischio corso, gli Azzurri giocano abulicamente per 20 minuti prima di sfiorare la rete prima con il colpo di testa di Insigne e poi con la conclusione svirgolata da Zappacosta a tu per tu con Dimitrievski. Il gol è comunque nell’aria dopo l’accelerazione italiana e puntualmente arriva al 40′: sugli sviluppi di un corner la difesa macedone non riesce a liberare, Insigne imbuca alle spalle di Ristovski per Immobile, che davanti al portiere serve Chiellini per l’1-0 a porta vuota. Passa poco più di un minuto e gli uomini di Ventura rischiano di vanificare tutto con l’errore di Bonucci al limite dell’area, ma Chiellini è strepitoso nel recuperare su Nestorovski. La prima frazione di gara si conclude così sul risultato di 1-0.

Nella ripresa l’Italia sembra rientrare in campo totalmente deconcentrata e dà vita ad una prestazione nettamente insufficiente. Gli Azzurri non riescono mai a rendersi pericolosi dalle parti di Dimitrievski e subiscono addirittura la doccia fredda firmata da Trajkovski al 77′: Pandev verticalizza, Darmian non segue il taglio dell’attaccante del Palermo che, con Bonucci in ritardo in copertura, segna indisturbato con un diagonale. Nel finale, dopo il pareggio incassato, la Nazionale si riversa in attacco per riportarsi nuovamente in vantaggio, ma il risultato non cambia più. All’Olimpico Grande Torino finisce dunque 1-1: l’Italia è aritmeticamente seconda in virtù della sconfitta dell’Albania, ma deve attendere il risultato di Bosnia-Belgio per sapere se sarà tra le migliori 4 seconde.

ITALIA (3-4-3): Buffon 6; Barzagli 6,5 (dal 46′ Rugani 6), Bonucci 5, Chiellini 7; Zappacosta 6,5, Gagliardini 5,5 (dal 75′ Cristante 5,5), Parolo 6, Darmian 5; Verdi 6 (dal 64′ Bernardeschi 6), Immobile 6, Insigne 6,5. A disp.: Donnarumma, Perin, Astori, D’Ambrosio, Barella, Candreva, Spinazzola, Gabbiadini, Eder. CT: Ventura

MACEDONIA (3-5-2): Dimitrievski 6; Velkovski 6 (dal 75′ Zajkov 6), Musliu 6,5, Ristovski 5,5; Radeski 6, Spirovski 5,5, Bardi 6,5, Hasani 6 (dal 64′ Trajkovski 7), Alioski 6,5;  Nestorowski, Pandev 7 (dall’80’ Trickovski s.v.). A disp.: Nilsson, Tosevski, Jahovic, Siskovski. CT: Angelovski

ARBITRO: Tiago Martins (Portogallo)

MARCATORI: Chiellini al 40′, Trajkowski al 77′

AMMONITI: Spirovski al 53′, Hasani al 61′, Parolo al 69′

ESPULSI: –

NOTE: nessun minuto di recupero nel primo tempo, tre minuti nel secondo tempo.

TOP NOVANTESIMO: Chiellini 7 Punto guadagnato grazie a lui: sblocca una agara difficile e rimedia ad un errore grossolano di Bonucci

FLOP NOVANTESIMO: Bonucci 5 Impreciso in impostazione, disattento in copertura: il gol del pareggio arriva dal suo lato

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008